Home Food zone LE ARANCINE SICILIANE

LE ARANCINE SICILIANE

La penisola italiana presenta innumerevoli luoghi in cui la tradizione gastronomica ne fa da padrona. Quest'oggi, la regione più meridionale dello stivale - tra le tante prelibatezze - ci lascerà scoprire la preparazione e la bontà delle ARANCINE DI RISO.

379
0
Tempo di lettura: 3 minuti

“Mangiare è uno dei quattro scopi della vita… quali siano gli altri tre, nessuno lo ha mai saputo” 

Buongiorno e buona Domenica cari lettori. Oggi ci immergeremo in un posto incantevole: luogo di conquiste, intriso di storia, ricco di cultura. Vi presenterò una ricetta che affonda le sue radici nell’isola più grande d’Italia e del Mar Mediterraneo: la Sicilia.

La chicca del giorno riguarda la preparazione delle ARANCINE SICILIANE. Sono annoverate tra le ricette più gustose, richieste e realizzate nella ridente isola italiana. Il loro successo, inevitabilmente, ha rotto i confini regionali per deliziare chiunque volesse avvicinarsi al panorama gastronomico siculo.

Le arancine sono a base di riso, il loro essere meticolosamente e generosamente ripiene, le rende un piatto soddisfacente che può bastare a chiunque, non necessitando di altre portate.

Le arancine, nella Sicilia orientale, tra Catania e Messina, sono preparate con la caratteristica forma ovaloide, oppure, a pera, utilizzando riso bianco o, arricchendo lo stesso, con dello zafferano. In altri luoghi dell’isola, invece, le arancine presentano una forma rotonda, simile ad un’arancia, dalla quale il manicaretto – per analogia – prende il nome. Esiste anche una differenza nel modo di chiamarle, possono essere definite sia al maschile che al femminile, cambiando l’articolo e/o la desinenza, ma, la sostanza e la bontà non cambiano. Sull’argomento si è espressa anche l’Accademia della Crusca, affermando la correttezza di entrambe le diciture.

LE ARANCINE SICILIANE

INGREDIENTI

– 1 kg di RISO
– 2 litri di acqua salata
– 8 cucchiai di pecorino grattugiato
– 1 bustina di zafferano
– 4 uova intere

PER L’IMPANATURA:

– uovo sbattuto q.b.
– pan grattato
– olio per friggere (preferibilmente di arachidi)

PER IL RIPIENO ALLA CARNE (per ciascuna arancina):


– carne tritata cotta in ragù ben denso, con aggiunta di piselli cotti in umido ed un tocchetto di formaggio

PREPARAZIONE

  • Lessare il riso in acqua salata e scolarlo al dente. Lasciarlo sgocciolare e farlo riposare per almeno due o tre ore.
  • Successivamente al tempo trascorso, impastare il riso con il pecorino grattugiato, con lo zafferano ( sciolto in pochissima acqua tiepida) e le uova intere.
  • Ricavare delle sfere dalle dimensioni di una piccola arancia e con il pollice ottenere al suo centro un incavo, nel quale va versato un cucchiaino abbondante di ripieno.
  • Una volta preparate le arancine, queste vengono chiuse con un’altra manciata di riso. Maneggiare, poi, con cura per arrotondarle e successivamente, passarle nell’uovo sbattuto e pan grattato. In fine, friggerle in un tegame a bordo alto, colmo di olio bollente.

Sperando di esservi stata, anche oggi, d’ispirazione, vi auguro un buon pranzo ed una serena Domenica.

Articolo precedenteSalernitana – Chievo: le rustichelle.
Articolo successivoSalernitana, nel mirino c’è già il Pisa: Castori perde Gyomber e spera in due recuperi
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!