Home Prima Squadra Salernitana – Chievo: le rustichelle.

Salernitana – Chievo: le rustichelle.

759
0
Tempo di lettura: 3 minuti

BELEC 6.5: Un girone dopo Vid è palesemente rinato, mette in cascina almeno 3 parate importanti. In occasione del gol non gol assegnato al Chievo fa una cosa che ad esempio Schiavone non ha mai fatto: uno scatto di 50 metri.

BOGDAN 6: Per il centrale croato si configura un duello serratissimo con Amato Ciciretti, al 51esimo lo apostrofa con: “Tu chino chino spiringuacchi per cuollo, non ti fare schifo tu sulo? Mi pari tuosseco!” Acchiappa una crisommola da Di Tacchio che gli lascia il tatuaggio dietro la pacchera a uso lavaportoni o barrista un poco putanda di provincia.

via GIPHY

GYOMBER 6.5: All’Arechi splende il sole e Nobert, come sappiamo, ha la carnagione sensibile. Pertanto indossa una elegante visierina con su scritto Casinò municipale di Saint Vincent come nella partita a tennis fra Fantozzi e Filini. Appena dopo l’ammonizione bestemmia la Madonna di Montevergine e pure Dio onnipotente, un avversario se ne avvede e se lo canta con l’arbitro. Il centrale, con calma olimpica, risponde: “Fatti i cazzi tuoio altrimenti ti taglio pezzo pezzo e ti dongo a mangiare ai cani di canciello”.

MANTOVANI 6.5: Molto attento in marcatura, intorno al 32esimo concede a Margiotta l’unica giocata utile della partita. Il centravanti clivense, tappandosi la narice destra, mena un pallocchio di 3 kg e miezz nderr fra gli “Oooh” stupefatti delle due panchine e gli acchiappafantasmi che per lo schifo non lo volevano manco arrecogliere.

CASASOLA 6.5: Ottima prova per Tiago che oggi ha avuto una rivelazione: è sinistro e nun u sapev.

CAPEZZI 6: Non sapevo che scrivere, allora il telecronista di Dazn ha deciso di corrermi in soccorso alluccando:” Capezzi fa il coccodrillo sotto la barriera!” E io mi ho pisciato sotto. KIYINE 6: Sofian entra bene in campo, sintomatico del fatto che se ci sta con la capa può risultare determinante. La sua più grande sconfitta, però, risale a venerdì sera. Frank Ribery, dagli spalti del Franchi, ha deciso di lanciargli una sfida a distanza mettendosi, al momento, da coppa in quanto a tute dimmerda.

DI TACCHIO 6.5: Prestazione più che sufficiente per il mediano granata. Dapprima cerca di imitare Roberto Mancini in un Parma – Lazio di qualche tempo fa provando il gol di tacco. Poco dopo chiava una pallonata nella tubbera a Bogdan. DZICZCEK 4: Partita da dimenticare per il metronomo polacco, non è riuscito a farsi ammonire.

COULIBALY 26 cm: Un colpo che, tutto sommato, sta bene al Governatore De Luca, il senegalese infatti ha le movenze del termovalorizzatore tanto invocato anni fa: tutto ciò che gravita dalle sue parti viene letteralmente incenerito. SCHIAVONE 97: Emozionato, gioca contro il suo mentore Aglietti, colui che gli ha insegnato a impastare le panelle di pane.

JAROSICCHJ SXYZY: Equivoco in fase di riconoscimento, il Sig. Sozza non accetta il codice fiscale – che in realtà era la carta d’identità – e il polacco rimanda il suo esordio bis in maglia granata.

TUTINO 7: Per tutte le volte che è stato lasciato in panchina e gli è stato preferito Gondo, il giovane partenopeo dovrebbe mettere il pesce sulla recchia a Castori a uso laps di salumiere. GONDO 10: Al 91esimo con un colpo di tacco s schiatt na pall sul iss: eroe.

DJURIC 6: Solita prova di sostanza per il centravanti bosniaco. Al 53 esimo lui rovescia il pallone, io la zuppa di fasuli ingurgitata poc’anzi. A. ANDERSON SISSANTUN: Il nuovo attaccante, voluto fortemente da Castori, entra a pochi minuti dal termine giusto per sporcare un poco i cazuncielli e niente più.

CASTORI 6.5: Lo smanicato che indossa in realtà è il salvagente che si è arrubbato sotto il seggiulino dell’aereo della Lazio.

Articolo precedenteIl primo tempo diventi la traccia da seguire per il finale di stagione
Articolo successivoLE ARANCINE SICILIANE
Nato nel '90. Due passioni governano i moti del cuore e, molto spesso, confluiscono l'una nell'altra: Salernitana e poesia.