Home News Salernitana, accadde il 26 febbraio

Salernitana, accadde il 26 febbraio

233
0
Fonte: www.salernitanastory.it
Tempo di lettura: 3 minuti

Questa sera la Salernitana sfiderà la Reggiana al “Mapei Stadium” in uno dei due anticipi della 25/a giornata di Serie B 2020/2021. Si tratterà della 13/a partita di campionato per la Bersagliera nella sua storia disputata in data 26 febbraio.

Un giorno non particolarmente fortunato, dato che il bilancio dei 12 precedenti consta di 3 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte. La piccola serie di successi prevede l’alfa e l’omega, ossia il primo e l’ultimo incontro – cronologicamente parlando – della Salernitana giocato di 26 febbraio.

Correva infatti il 26 febbraio 1933, quando la Salernitana allenata da Ivo Fiorentini ebbe la meglio 4-2 sul Molfetta al “Campo Littorio” (primo nome del “Vestuti”) di Salerno. Biancocelesti subito sotto a causa di un’autorete di Bugna, ma che ribaltarono immediatamente la situazione con un uno-due firmato da Finotto e Pilato. A inizio ripresa, il Molfetta pareggiò con Calò ma un altro uno-due, siglato da Pilato e De Sio, fissò il punteggio sul definitivo 4-2.

Il 26 febbraio 2019, invece, la Salernitana di Gregucci ebbe la meglio per 2-0 sulla Cremonese nel turno infrasettimanale di campionato. Decisero l’incontro Minala e Jallow che, con le loro reti, diedero ai granata 3 punti che sembravano aver chiuso il discorso salvezza. Invece, il crollo nella parte finale del torneo e permanenza in cadetteria che – a netto di quanto accadde dopo con l’esclusione del Palermo dal campionato – venne certificata solamente ai rigori nel playout col Venezia al “Penzo”.

In mezzo, il terzo e – per ora – ultimo successo della Salernitana in data 26 febbraio. Il 26 febbraio 1995, una rete di Carlo Ricchetti consentì alla Salernitana di Delio Rossi di avere la meglio sul Perugia.

Quattro i pareggi, dicevamo. Comincia la serie lo 0-0 interno del 26 febbraio 1956 contro il Taranto, una delle poche “soddisfazioni” di una stagione amarissima che segnò il ritorno dei granata in C dopo 13 anni. Cinque anni dopo, in terza serie, ancora un pareggio casalingo contro una pugliese, il Lecce. Tutte nella ripresa le reti. Granata in vantaggio con Mazzoni, rimonta salentina con rigore di Arfuso e gol di Gambino. A rimettere tutto a posto ci pensò Rino Santin, che firmò il punto del 2-2.

Il 26 febbraio 1978, la Salernitana affidata a Mujesan calciatore-allenatore (ufficialmente a guidare i granata dalla panchina vi era Don Mario Saracino) impattò 1-1 nel derby del “Santa Colomba” contro il Benevento. Giallorossi in vantaggio con un rigore di Mongitore, pareggio granata di Gioia. Infine, un pareggio recente. Il 26 febbraio 2006 la Salernitana con Cuoghi in panchina uscì indenne dal big match della 24/a giornata di Serie C1 girone A contro il Genoa a Marassi. Due volte il Grifone in vantaggio con un’autorete di Ignoffo e con Stellini, due volte la risposta granata con Di Vicino prima e Magliocco poi.

Più, purtroppo, corposo l’elenco delle sconfitte. Si comincia con il 4-1 che la Salernitana subì ad Alessandria il 26 febbraio 1939. La Bersagliera era alla sua prima esperienza in assoluto in cadetteria, terminata con una retrocessione. I piemontesi ebbero vita facile con la doppietta di Massiglia e i gol di Pietruzzi e Taverna. Sallustro nel finale siglò il punto della bandiera per i biancocelesti.

Il 26 febbraio 1950, la Salernitana di Pietro Piselli confermò la cronica allergia alle trasferte. A Empoli, 2-0 per i toscani con i gol di Gregorin e Calichio. A proposito di stagioni di Serie B conclusesi con le retrocessioni, fa parte dell’elenco anche l’1-0 con il quale il Catania sconfisse la Salernitana di Rosati, destinata all’immediato ritorno in C, il 26 febbraio 1967. Gol partita per gli etnei di Baisi.

Il 26 febbraio 1984, la Salernitana perse 1-0 il derby del “Santa Colomba” contro il Benevento. A decidere la partita per gli Stregoni fu Pecchi. Infine, il 26 febbraio 2001, nel posticipo serale della 24/a giornata di Serie B, la Salernitana del fresco 80enne Nedo Sonetti cedette in casa 1-0 al Genoa. Per i liguri, gol partita di Cosimo Francioso.

Salernitana, i precedenti in campionato il 26 febbraio

26/02/1933, 14/a giornata Prima Divisione girone H 1932/1933, Salernitana-Molfetta 4-2 4′ aut. Bugna (M), 10′ Finotto (S), 11′ Pilato (S), 47′ Calò (M), 63′ Pilato (S), 65′ De Sio (S)
26/02/1939, 21/a giornata Serie B 1938/1939, Alessandria-Salernitana 4-120′ Massiglia (A), 63′ Pietruzzi (A), 69′ Massiglia (A), 81′ rig. Taverna (A), 87′ Sallustro (S)
26/02/1950, 26/a giornata Serie B 1949/1950, Empoli-Salernitana 2-036′ Gregorin, 87′ Calichio
26/02/1956, 20/a giornata Serie B 1955/1956, Salernitana-Taranto 0-0
26/02/1961, 21/a giornata Serie C girone C 1960/1961, Salernitana-Lecce 2-259′ Mazzoni (S), 71′ rig. Arfuso (L), 81′ Gambino (L), 84′ Santin (S)
26/02/1967, 23/a giornata Serie B 1966/1967, Catania-Salernitana 1-076′ Baisi
26/02/1978, 24/a giornata Serie C girone C 1977/1978, Benevento-Salernitana 1-1 23′ rig. Mongitore (B), 35′ Gioia (S)
26/02/1984, 22/a giornata Serie C1 girone B 1983/1984, Benevento-Salernitana 1-020′ Pecchi
26/02/1995, 23/a giornata Serie B 1994/1995, Salernitana-Perugia 1-035′ Ricchetti
26/02/2001, 24/a giornata Serie B 2000/2001, Salernitana-Genoa 0-112′ Francioso
26/02/2006, 24/a giornata Serie C1 girone A 2005/2006, Genoa-Salernitana 2-244′ aut. Ignoffo (G), 53′ Di Vicino (S), 59′ Stellini (G), 82′ Magliocco (S)
26/02/2019, 26/a giornata Serie B 2018/2019, Salernitana-Cremonese 2-0 61′ Minala, 68′ Jallow

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.