Home News Salernitana, accadde il 6 marzo

Salernitana, accadde il 6 marzo

289
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Domani, 6 marzo 2021, la Salernitana sfiderà la Cremonese allo “Zini” per la partita valida per la 27/a giornata di Serie B 2020/2021. Si tratterà della nona uscita in campionato della Bersagliera nella sua ultracentenaria storia.

Una giornata, quella del 6 marzo, che negli 8 precedenti vede protagonista il Cosenza. In ben 3 occasioni, infatti, sono stati i silani gli avversari dei biancocelesti prima e dei granata poi. Il 6 marzo 1938, sul neutro di Reggio Calabria, la Salernitana ancora vestita con la palata a righe verticali biancocelesti batteva il Cosenza per 2-0 grazie a un gol per tempo, Lazzarini nel primo e Corsanini nel secondo.

Terminò 0-0, invece, il big match del “Vestuti” del 6 marzo 1966 tra la Salernitana di Tom Rosati e il Cosenza di Oscar Montez. Un nulla di fatto che non sciolse il duello per la promozione in B che si risolse in tarda primavera, tramite l’arcinota ripetizione della partita de L’Aquila, a favore dei granata. Infine, il 6 marzo 1983, il Cosenza ebbe la meglio sulla Salernitana di Marino Perani per 2-0 con reti nel finale di partita segnate da Renzetti su rigore e da Conte.

0-0 che è anche il risultato di altre due partite della Salernitana disputate il 6 marzo. Il 6 marzo 1977, la Salernitana di Regalia venne fermata al “Vestuti” dalla Turris, mentre il 6 marzo 2005 la Salernitana di Gregucci strappò un buon risultato a occhiali al “Delle Alpi” contro il Torino.

6 marzo è anche sinonimo di goleade. La Salernitana ha calato due cinquine in questa data. Il 6 marzo 1949, la Salernitana di Piselli rifilò un 5-2 all’Empoli. Grande protagonista Dandolo Flumini. La veloce ala sinistra nativa di Maccagno realizzò una tripletta, mentre le altre due reti dei granata furono segnate da Sifredi e Catalano, mentre i toscani resero meno amara la sconfitta grazie ai rigori di Bortoletto e Bertolucci. Il 6 marzo 1994, fu il Chieti la vittima sacrificale della Salernitana di Delio Rossi. I teatini aprirono le danze con Faieta, ma poi i granata si scatenarono con De Silvestro, Ricchetti e Giovanni Pisano, che si portò a casa il pallone grazie a una tripletta.

Infine, da rammentare il 2-2 interno contro il Treviso del 6 marzo 1955. Granata, allenati da Don Mario Saracino, che si portarono sul 2-0 grazie ai gol di Amicarelli e Ghersetich ma che si fecero raggiungere dai veneti in gol con un rigore di Belcastro e di Avedano.

Salernitana, i precedenti in campionato del 6 marzo

06/03/1938, 17/a giornata Serie C girone E 1937/1938, Cosenza-Salernitana 0-231′ Lazzarini, 52′ Corsanini
06/03/1949, 27/a giornata Serie B 1948/1949, Salernitana-Empoli 5-240′ Sifredi (S), 50′ Flumini (S), 70′ rig. Bortoletto (E), 75′, 79′ Flumini (S), 87′ rig. Bertolucci (E), 90′ Catalano (S)
06/03/1955, 22/a giornata Serie B 1954/1955, Salernitana-Treviso 2-24′ Amicarelli (S), 37′ Ghersetich (S), 75′ rig. Belcastro (T), 84′ Avedano (T)
06/03/1966, 24/a giornata Serie C girone C 1965/1966, Salernitana-Cosenza 0-0
06/03/1977, 25/a giornata Serie C girone C 1976/1977, Salernitana-Turris 0-0
06/03/1983, 23/a giornata Serie C1 girone B 1982/1983, Cosenza-Salernitana 2-0 – 82′ rig. Renzetti, 85′ Conte
06/03/1994, 23/a giornata Serie C1 girone B 1993/1994, Salernitana-Chieti 5-1 – 2′ Faieta (C), 14′ De Silvestro (S), 23′ Ricchetti (S), 36′, 43′, 68′ rig., Pisano (S)
06/03/2005, 29/a giornata Serie B 2004/2005, Torino-Salernitana 0-0

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.