Home News Acquisizione di una società calcistica professionistica? I criteri della FIGC

Acquisizione di una società calcistica professionistica? I criteri della FIGC

672
0
Assemblea elettiva Figc
Tempo di lettura: 2 minuti

In questi giorni, i tifosi della Salernitana stanno facendo i conti con due sensazioni: la gioia per la promozione in A e l’ansia per capire se il successo sul campo verrà concretizzato nell’iscrizione regolare al massimo campionato. Ansia legittima, con buona pace di chi cianciava: “la multiproprietà non è un problema“.

Una soluzione sarebbe la vendita diretta del pacchetto azionario da parte di Lotito e Mezzaroma. Ma chi prenderà nel caso la Salernitana? Non lo sappiamo, ma sappiamo che, chiunque sarà, dovrà rispondere a determinati criteri riguardanti di onorabilità e solidità finanziaria, stabiliti dalla FIGC nel Consiglio Federale del 5 novembre 2019.

Per quanto riguarda l’onorabilità, un eventuale nuovo acquirente

  • non deve avere riportato condanna, con sentenza passata in giudicato, a pena detentiva per i reati puniti con pena edittale massima superiore a 5 anni;
  • non deve avere riportato condanna, con sentenza passata in giudicato, a pena detentiva per i reati di cui alla L. 401/1989 ed alla L. 376/2000;
  • non deve avere riportato condanna, con sentenza passata in giudicato, a pena detentiva per i reati di truffa ed appropriazione indebita;
  • deve sottoporsi, con esito favorevole, alle verifiche antimafia di cui al D. Lgs. 159/2011 e successive modifiche
  • non deve aver ricoperto, negli ultimi cinque anni, il ruolo di socio e/o di amministratore e/o di dirigente con poteri di rappresentanza nell’ambito federale, in società destinatarie di provvedimenti di esclusione dal campionato di competenza o di revoca dell’affiliazione dalla FIGC

Sulla solidità finanziaria, la FIGC impone che un eventuale nuovo acquirente debba disporre la dichiarazione di almeno un istituto di credito di primaria importanza nazionale e/o estera, con il quale abbiano rapporti economici da almeno un anno, che attesti:

  • la disposizione di una buona base finanziaria e di godere di stima e considerazione presso gli operatori finanziari ed economici;
  • di essere meritevole, sotto il profilo bancario, di adeguato fido e di essere un soggetto senz’altro valido in ordine agli impegni che assumono;
  • di aver sempre assolto i loro impegni con regolarità e puntualità e che, alla data della dichiarazione, risulti essere in possesso di una capacità finanziaria ed economica tale da poter far fronte, in misura proporzionale alla partecipazione acquisita, alle attività di impresa correlate: i) al fatturato medio conseguito dalla società, nel periodo corrispondente alle ultime tre stagioni sportive, in campionato della medesima categoria in cui milita al momento della acquisizione; ii) ovvero, in assenza delle condizioni di cui alla precedente lettera i), al fatturato medio societario delle ultime tre stagioni sportive calcolato nell’ambito della Lega di appartenenza della società al momento della acquisizione e che verrà comunicato dalla medesima Lega.
  • che le risorse finanziarie impiegate nell’acquisizione provengano dalla sua attività economico-sociale o dalla disponibilità di altre fonti lecite indicate.
Articolo precedenteSalernitana, tanti rumors e poche certezze: a pagare sono sempre i tifosi
Articolo successivoMarchetti: “Se la Salernitana non si iscrivesse, il Cittadella sarebbe pronto a subentrare”