Home News Salernitana-Lazio, probabili formazioni: Colantuono rispolvera il 4-3-1-2, Sarri rilancia Luis Alberto

Salernitana-Lazio, probabili formazioni: Colantuono rispolvera il 4-3-1-2, Sarri rilancia Luis Alberto

Di fronte a Iervolino e Sabatini, i granata aprono il 2022 casalingo contro la formazione dell'ex co-patron Lotito: emergenza totale per i padroni di casa, ospiti con il 4-3-3

794
0
Tempo di lettura: 2 minuti

A quasi un mese dal pokerissimo pre-natalizio calato dall’Inter, i riflettori dell’Arechi tornano ad accendersi per Salernitana-Lazio, match valido per la ventiduesima giornata di Serie A. La gara di oggi pomeriggio mette di fronte i granata di Colantuono, ultimi in classifica con 11 punti in 19 gare, e i biancocelesti di Sarri, ottavi in graduatoria con 32 punti ottenuti giocando due partite in più.

Soltanto due giorni dopo l’insediamento ufficiale del nuovo presidente Danilo Iervolino, il calendario propone alla Salernitana uno strano scherzo del destino, poiché la prima avversaria della nuova era dell’ippocampo sarà proprio la Lazio dell’ex co-patron granata Claudio Lotito.

I padroni di casa arrivano dal brillante 1-2 di Verona, che ha sancito la terza vittoria stagionale e restituito un entusiasmo successivamente esploso in città con l’arrivo del nuovo numero uno granata; gli ospiti sono invece reduci dalla sconfitta di San Siro contro l’Inter, che ha posto fine ad una striscia di tre risultati utili consecutivi, e proveranno a bissare il match dell’andata, vinto all’Olimpico con un secco 3-0.

Salernitana colpita da un’emergenza devastante, che ha tolto a Colantuono ben dieci calciatori. Tra Covid e infortuni, mancheranno infatti Ribery, Simy, Capezzi, Mamadou Coulibaly, Gagliolo, Bogdan, Jaroszynski e Strandberg, ai quali si aggiungono Gyomber, squalificato, e Lassana Coulibaly, impegnato in Coppa d’Africa. Il tecnico andrà a rispolverare il 4-3-1-2, per rimediare ad un reparto difensivo distrutto dalle assenze. Davanti a Belec agirà un’inedita – e obbligata – coppia composta da Delli Carri e Veseli, con Zortea e Ranieri (guarito dal Covid) sulle corsie esterne. In mediana Di Tacchio, coadiuvato da Schiavone e da Kastanos, match winner sei giorni fa al Bentegodi. Sulla trequarti Obi (altro calciatore ristabilito dopo la positività), che agirà a sostegno di Gondo e Djuric. Panchina per Bonazzoli, recuperati Vergani e Ruggeri.

Infermeria aperta anche su sponda biancoceleste, seppur con un impatto molto meno significativo. Sarri dovrà fare a meno di Acerbi, Radu, Basic e degli ex di turno Akpa Akpro e André Anderson. Nel classico 4-3-3 del Comandante la novità significativa avrà luogo in difesa, dove Hysaj dovrebbe essere adattato come centrale difensivo in coppia con l’ex granata Luiz Felipe. Fasce laterali presidiate da Lazzari e Marusic, i quali completeranno la retroguardia a protezione di Strakosha, altro calciatore che farà ritorno all’Arechi da avversario. Zero dubbi in mediana, dove Luis Alberto tornerà titolare con il compito di aggiungere genio e fantasia al reparto completato da Cataldi e Milinkovic-Savic. In avanti sarà Immobile a guidare il tridente offensivo completato da Pedro e Felipe Anderson, favorito nel ballottaggio con Zaccagni.

Queste le probabili formazioni:

SALERNITANA (4-3-1-2): Belec; Zortea, Delli Carri, Veseli, Ranieri; Schiavone, Di Tacchio, Kastanos; Obi; Gondo, Djuric. A disposizione: Fiorillo, Guerrieri, Ruggeri, Kechrida, Motoc, Russo, Bonazzoli, Vergani. Allenatore: Colantuono.

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Lazzari, Luiz Felipe, Hysaj, Marusic; Milinkovic-Savic, Cataldi, Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile, Pedro. A disposizione: Reina, Patric, Floriani Mussolini, Vavro, Leiva, Bertini, Romero, Jony, Zaccagni, Muriqi, Moro. Allenatore: Sarri.

ARBITRO: Rosario Abisso di Palermo. Assistenti: Schirru – Lanotte. IV uomo: Volpi. VAR: Nasca. Assistente VAR: Tegoni.

Attesi circa 3 mila spettatori. Fischio d’inizio ore 18:00. Diretta DAZN.

Articolo precedenteTra le coppe la “Serie A”
Articolo successivoSalernitana, accadde il 15 gennaio
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.