Home News Parma, 26 i convocati: assente Buffon. Pecchia: «Nicola ha fatto qualcosa di...

Parma, 26 i convocati: assente Buffon. Pecchia: «Nicola ha fatto qualcosa di straordinario»

Tanti assenti su sponda emiliana, tra i quali Cobbaut e Schiattarella. Il tecnico: "Sarà una bella prova in un ambiente molto stimolante"

488
0
Fabio Pecchia (foto parmacalcio1913.com)
Tempo di lettura: 3 minuti

Intervenuto in conferenza stampa dopo la rifinitura mattutina, mister Fabio Pecchia ha presentato il match di Coppa Italia tra Salernitana e Parma. Il tecnico degli emiliani ha speso alcune parole per la compagine di Nicola:

“La Salernitana viene da diverse partite, le ha fatte con qualità e con forza, affrontiamo un gruppo dove soprattutto l’allenatore ha fatto qualcosa di straordinario nella parte finale del campionato e gli faccio i complimenti perché il suo lavoro è stato fantastico. Ha fatto un’impresa con forza, con qualità e con coraggio. Troveremo una squadra in grado di fare queste cose, sarà una bella prova in un ambiente molto stimolante”.

Il tecnico dei crociati ha poi parlato dei suoi giocatori: “La squadra, nonostante il caldo, sta lavorando con una grande applicazione, anche questa settimana. E questa è la cosa sempre più bella ma anche più complicata per ogni allenatore. Arrivare a fine settimana e dire chi gioca, chi è più pronto, quindi i dubbi ci sono e ci saranno sempre. Per alcuni i dubbi sono legati alla condizione, perché ritornano da un lungo infortunio e parlo soprattutto di Man. E poi Inglese ha ripreso ed è in buona condizione”.

Pecchia ha poi proseguito: “Il mio modo di dire ‘fare sul serio’ valeva anche dopo la Sampdoria. Perché creare la mentalità, uno stile di gioco, un’idea di gioco, non vale solo con il passaggio del turno, dove una partita vale qualcosa. Si comincia a fare sul serio, perché si va su un campo dove c’è un pubblico, c’è un avversario, c’è una squadra di Serie A e vale un passaggio del turno. Nel precampionato c’era la voglia di fare le partite e di giocare e di creare le mentalità, di giocare per vincere”.

L’ex allenatore della Cremonese ha toccato anche il tema mercato: “È una variabile che riguarda tutti i Club e gli allenatori, il nostro operato sul mercato è stato molto celere. Già nelle prime battute tre calciatori sono arrivati e la squadra è quella dello scorso anno. Noi dobbiamo pensare alla partita di domani, è uno step importante come squadra, come gruppo, come giocatori.

Il gruppo lo vedo allenarsi e sono orgoglioso, perché vi garantisco che vedo un’applicazione così costante da parte di tutti ogni giorno, quotidianamente. Mi rende orgoglioso, perché questo agevola il percorso di evoluzione di una squadra. Mi piacerebbe vedere una squadra che non faccia differenza di campo, di ambiente, di stadio, perché il campo è uguale ovunque. Quindi l’atteggiamento deve essere uguale senza distinzione, deve essere sempre lo stesso. Sia davanti al nostro pubblico sia su altri campi”.

Infine, un passaggio su una Serie B che si prospetta molto competitiva: “La Serie A2? Al di là dei nomi, tutte le squadre fatte, in costruzione, nuove o chi ha già una buona base, si preannuncia un campionato bello e proprio per questo imprevedibile. C’è grande differenza con la Serie A, ma in B questo essere imprevedibile lo rende affascinante. Quando ci saremo dentro, capiremo il vero valore delle squadre”.

Dopo l’incontro con i giornalisti, svoltosi in tarda mattinata, il tecnico ha raggiunto la squadra a pranzo. In seguito, Vazquez e compagni – nel primo pomeriggio – sono partiti in direzione Salerno. Pecchia ha convocato 26 calciatori per la trasferta dell’Arechi: recuperati Hainaut e Man, quest’ultimo non al meglio come ammesso dal tecnico.

Fuori dall’elenco invece Buffon, Osorio, i lungodegenti Cobbaut e Schiattarella, oltre a Oosterwolde, positivo al Covid-19. Torna in lista Iacoponi, novità rispetto al match amichevole con il Lecce. Fuori invece il giovane Dierckx, vicino al Genk. Questi i convocati di Pecchia:

Portieri: Borriello, Chichizola, Corvi;

Difensori: Balogh, Circati, Coulibaly, Delprato, Romagnoli, Valenti, Zagaritis;

Centrocampisti: Bernabé, Buayi-Kiala, Camara, Estevéz, Hainaut, Jurić, Sohm;

Attaccanti: Benedyczak, Bonny, Iacoponi, Inglese, Man, Mihaila, Sits, Tutino, Vazquez.

Articolo precedenteTutino, Sepe e due assenti: storie da ex in Salernitana – Parma
Articolo successivoSalernitana, per il centrocampo si pensa a Giulio Maggiore
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.