Home Editoriale Sabatini: “Roma amore mio, quanta nostalgia. Alla Salernitana ho dato tanto”

Sabatini: “Roma amore mio, quanta nostalgia. Alla Salernitana ho dato tanto”

La Salernitana è stato un regalo inaspettato, culminato nella salvezza fantastica di tre mesi fa

2761
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Inevitabilmente Walter. Alla vigilia di Roma-Salernitana, l’ex direttore Walter Sabatini ha affidato le sue sensazioni al taccuino di Sebastiano Vernazza su La Gazzetta dello Sport.

Ecco alcune delle sue dichiarazioni:

«Sono a Roma, nella mia città, e non conosco la quiete, scalpito per rientrare e non faccio il falso modesto, so quanto posso offrire alla società che vorrà darmi fiducia. Il calcio senza di me è triste»

Sabatini, ritorna il campionato e domenica sera c’è subito Salernitana-Roma, la “sua” partita. Si può dire che per lei la Roma sia il grande amore della vita e la Salernitana l’infatuazione di una sera?
«Approvo la prima metafora, non la seconda. La Salernitana è stato un regalo inaspettato, culminato nella salvezza fantastica di tre mesi fa. Una gioia immensa, un amore imprevedibile e mi dispiace non averlo ripagato fino in fondo, avrei voluto fare qualcosa di più duraturo. Ci sono stati degli “incidenti”, ma non accuso nessuno, è andata e basta»

Il litigio con il presidente Iervolino per via delle commissioni agli agenti?
«Un piccolo litigio che si è poi ingrandito, ma non ne voglio parlare. Vicenda chiusa, senza strascichi legali. Auguro ogni bene a Iervolino, alla Salernitana, alla sua gente straordinaria, bellissima, educata. Nei sei mesi a Salerno sono stato amato come mai, senza invadenza. Sapevano che per la mia salute delicata non avrei mai dovuto prendere il Covid e con garbo tenevano le distanze, per tutelarmi. Ci siamo salvati con un filotto di nove punti in otto giorni e nessuno ci toglierà questa impresa»

Oggi la Salernitana è in difficoltà sul mercato.
«Certi giocatori sono recalcitranti a trasferirsi a Salerno e non sanno quello che si perdono. Questo non significa che la Salernitana non faccia mercato. Iervolino è un imprenditore che non si spaventa davanti agli investimenti. Può spendere 10-15-20 milioni senza battere ciglio. È abituato agli affari».

Articolo precedenteSalernitana, accelerata per Vilhena e Diallo
Articolo successivoDesignazioni arbitrali: Simone Sozza per l’esordio all’Arechi
Nato nel 1964, professione ortopedico. Curioso ma pigro. Ama svisceratamente Salerno e la Salernitana. Come sempre accade quando un amore è passionale, è sempre piuttosto critico nei confronti di entrambe.