Home Breaking news Sottil: «Punto ottimo, l’espulsione di Perez è discutibile»

Sottil: «Punto ottimo, l’espulsione di Perez è discutibile»

Il trainer dell'Udinese ai microfoni di DAZN: "Aureliano ha considerato l'intervento come pericoloso, per me non lo era"

548
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

“Per come si era messa la partita è un punto ottimo”, non ha dubbi mister Andrea Sottil nel post partita di Udinese-Salernitana. Finisce 0-0 il match della Dacia Arena con i bianconeri ed i granata che conquistano il primo punto della loro stagione dopo le sconfitte rispettivamente contro Milan e Roma.

Sottil: “L’espulsione di Perez discutibile”

A pochi minuti dal triplice fischio, il trainer dei friulani si è espresso ai microfoni di DAZN. “L’espulsione- ha detto l’ex mister dell’Ascoli- era discutibile. Con Aureliano ho un buon rapporto e mi sono confrontato, mi ha spiegato che è stato valutato come fallo pericoloso, secondo me non lo era ed al massimo poteva esserci un giallo. La squadra, nonostante l’inferiorità, ha fatto la partita che avevo chiesto, bravi i ragazzi che hanno corso e lottato. A mia disposizione ho un gruppo con un forte senso di appartenenza. Siamo soddisfatti anche perché se non si può vincere, l’importante è non perdere. Ho cambiato sistema di gioco in corsa, la squadra ha coperto bene gli spazi ed abbiamo rischiato poco in dieci creando anche occasioni. Ora pensiamo al Monza. Beto? Abbiamo sfiorato la rete non solo con le sue occasioni ma anche con il quasi rigore di Walace, hanno attaccato tutti bene. Lui è stato bravo, ha grandi qualità e ci ha dato profondità. Bivol aveva iniziato bene, dopo la testata aveva problemi alla vista ma non dovrebbe essere nulla di importante”.

Articolo precedenteNicola: «Contento della prestazione e soddisfatto dei nuovi anche se dobbiamo migliorare molto. Vedo ambizione e crescita»
Articolo successivoLa moviola di Udinese Salernitana
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.