Home Breaking news Nicola: «Felice per la reazione dei ragazzi, Piatek porta ancor più qualità»

Nicola: «Felice per la reazione dei ragazzi, Piatek porta ancor più qualità»

Il trainer granata a DAZN: "Sappiamo chi siamo ed il nostro obiettivo"

409
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

E’la rete di Boulaye Dia a regalare il terzo risultato utile consecutivo ai granata di mister Nicola. Finisce 1-1 al Dall’Ara, con l’ippocampo (questa sera in giallo) che riesce ad agguantare la parità a due minuti dal termine (88′), dopo l’iniziale vantaggio siglato al 52′ da Arnautovic su calcio di rigore. Sul match appena concluso, si è espresso mister Davide Nicola ai microfoni di DAZN

Nicola: “Primo tempo importante, sappiamo chi siamo ed il nostro obiettivo”

“Abbiamo provato a cambiare in corsa l’assetto per pressare i centrali del Bologna. Sapevamo- ha detto Nicola- della loro voglia di vincere, erano una squadra organizzata e faccio i complimenti a Sinisa. Simo stati autori di un primo tempo importante, nei primi dieci minuti del secondo tempo abbiamo subito ma sono felice per la reazione dei ragazzi. Stiamo crescendo in tante cose. Vogliamo proporre un calcio aggressivo mantenendo più equilibrio possibile, sappiamo chi siamo ed il nostro obiettivo. L’umiltà dei calciatori potrà permetterci di crescere. In queste quattro partite abbiamo adottato un modulo che ci permettesse di giocare a tre ma anche con un terzino aggiunto come Mazzocchi, ci sono ragazzi che hanno qualità di saper giocare tra le linee come Vilhena o Lassana. Dia e Bonazzoli- ha quindi concluso il trainer- stanno bene fisicamente, Botheim crescerà e prova a dare il suo contributo e l’arrivo di Piatek ci permette di dare ancor più qualità al nostro attacco”.

Articolo precedenteCandreva: «Abbiamo dato continuità agli scorsi risultati, la tifoseria è splendida»
Articolo successivoMihajlovic: «Abbiamo avuto poca rabbia per chiudere il match»
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.