Home Editoriale Salernitana presente alla Messa dello Sportivo

Salernitana presente alla Messa dello Sportivo

Dopo due anni d'assenza viene riproposta la Messa Dello Sportivo nel Duomo di Salerno. Presenti tantissime delegazioni del panorama sportivo locale. Anche la Salernitana di Nicola ha partecipato all’evento.

530
0
Tempo di lettura: 2 minuti

A distanza di due anni, oggi, viene riproposta la messa dello sportivo. Risulta essere la prima celebrazione nell’ambito della festività di San Matteo 2022. Nella suggestiva cornice del Duomo di Salerno sono presenti tantissime delegazioni sportive del territorio cittadino e della provincia. Anche la U.S. Salernitana 1919 non è venuta meno all’appuntamento. Quest’ultima ha preso parte all’evento con la compagine granata femminile ed alcuni calciatori della prima squadra, quali: Lovato, Bonazzoli, Micai, Fiorillo, Fazio e mister Nicola, accompagnati dai dirigenti Mara Andria e Sasà Avallone.

La messa è stata celebrata dall’Arcivescovo Bellandi, il quale, durante l’omelia, ha citato Giovanni Paolo II e Papa Francesco, sottolineando l’importanza che ha caratterizzato l’organizzazione della serata, mirata alla valorizzazione dell’educazione sportiva.

L’Arcivescovo, infatti, ha affermato: «Da sempre lo sport ha favorito l’universalismo fra popoli, pace fra nazioni e rispetto della diversità. Ogni evento sportivo soprattutto quello olimpico può diventare un tramite di forza capace di aprire vie nuove, spesso, insperate nel superamento dei conflitti».

Bellandi, inoltre, ha evidenziato che sport e fede si devono riunire, costantemente, intorno a valori e principi che devono diventare il bagaglio indispensabile di ogni individuo. L’impegno, il sacrificio, la tenacia che lo sport esige e insegna, dev’essere volto a sconfiggere l’apatia, affinché la vita di ognuno possa essere considerata una partita unica ed irripetibile.

Articolo precedenteMazzocchi: «Salerno è magica, bisogna viverla per capirlo»
Articolo successivoSalernitana, accadde il 16 settembre
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!