Home News Cremonese, Alvini: «Out Dessers e Chiriches. Arechi fantastico, sul 3-0 a tavolino…»

Cremonese, Alvini: «Out Dessers e Chiriches. Arechi fantastico, sul 3-0 a tavolino…»

Il tecnico dei grigiorossi in conferenza stampa: "Manca la vittoria, ma la squadra ci crede. Nessun conto aperto con la Salernitana"

2233
0
alvini
alvini
Tempo di lettura: 3 minuti

Vigilia per la Cremonese, impegnata domani pomeriggio all’Arechi contro la Salernitana. I grigiorossi hanno svolto stamane la seduta di rifinitura, poi la conferenza stampa di Alvini ha preceduto la partenza per la Campania. Il tecnico si è soffermato sull’impegno di domani:

“La Salernitana è una squadra che può avere qualcosa in più rispetto alle squadre che lottano per la salvezza. È una squadra forte, abbiamo tanto rispetto per loro, ma noi abbiamo bisogno di punti, ce la giocheremo per ottenere il massimo risultato. L’Arechi è uno stadio caldo, è un piacere giocarci. Io e i miei calciatori siamo fortunati a poter giocare in un clima del genere, credo che sia bello giocare certe gare, ben vengano”.

Poi, un passaggio sull’infermeria: “Non ci sarà Radu, come non ci saranno Chiriches e Dessers. Poi c’è un altro problemino di questa mattina, che valuteremo poco prima di partire”. Sulla stagione della Cremo: “Io dò grande merito ai calciatori per come hanno saputo interpretare le ultime partite, ma anche prima. Non vorrei essere ripetitivo, ma nelle 12 partite giocate abbiamo forse sbagliato qualcosa contro la Lazio, però nell’interpretazione i ragazzi sono stati bravi”.

“Domani – prosegue Alvini – andremo avanti su quella falsariga, dovremo fare delle scelte per come lavorare davanti, se stare un po’più bassi, se coprire più palla. Sono convinto che anche domani la squadra leggerà bene la gara e la interpreterà al meglio. La squadra l’ho vista bene, lo spogliatoio sta crescendo e questo è merito dei ragazzi. È un gruppo che si sta formando, i ragazzi nuovi iniziano a conoscersi meglio”.

Sul tabù del primo successo in campionato: “Secondo me manca la vittoria, in queste partite c’è mancato quello. Una vittoria per tutto l’ambiente, noi siamo agganciati, siamo lì, ma una vittoria ci avrebbe dato qualcosa. Non abbiamo vinto finora, ma sicuramente oggi sfido chiunque a non riconoscere a questa squadra 2-3 punti in più che avremmo meritato, e che farebbero vedere il tutto con un occhio diverso. Ma il clima, e questo è merito della squadra, è positivo”.

Capitolo formazione: “A me piace la fantasia a centrocampo, è sempre piaciuta. È logico che devi avere un po’ di equilibrio, in entrambe le fasi. La prima cosa che cerco è questo, in un sistema elastico e funzionale. Domani un attimo più imprevedibili forse lo saremo, se ci riferiamo a giocatori come Buonaiuto, Milanese, Zanimacchia hanno caratteristiche che sono importanti per me. Non ho dato indicazioni alla squadra sulla formazione di domani, Buonaiuto è entrato bene e ha fatto bene. Io ho 31 giocatori, è titolare chiunque giochi, sia che venga utilizzato 1′ come 90′”.

Ancora un passaggio tecnico-tattico: “A me piace entrare con i tre dietro che guidano palla, qui ancora per alcuni problemi ho cambiato qualcosa, ma partire da dietro e creare superiorità numerica è sempre stata un’idea importante negli ultimi anni. Poi mi piace un calcio verticale, questa è l’idea. La squadra sta facendo di tutto per farlo, e io glielo riconosco. La squadra ci crede, è attaccata, e questo è un grande merito per loro. Stiamo lavorando per incidere, e spero che domani riusciremo a concretizzare. Noi abbiamo fatto alcune partite portando gli esterni più alti, ultimamente li stiamo portando un po’ più bassi, dipende dalle letture e dalle situazioni”.

Un ritorno sul 3-0 a tavolino subìto due anni fa alla guida della Reggiana : “Con la Salernitana non ho nessun conto aperto. Io alleno la Cremonese, e ne sono fiero. Di sicuro quel risultato incise sulla retrocessione della Reggiana: noi giocammo una partita in meno e retrocedemmo per un punto, sarebbe potuta finire diversamente. Ma la Salernitana non c’entra nulla, e sarà solo un piacere giocare lì domani”.

Infine, elogio a Davide Nicola: “È un piacere giocarci, è un allenatore che ha fatto molto bene l’anno scorso come in quelli passati. Vogliamo andare a Salerno e fare una grande partita”.