Home Breaking news Inizio 2023 amaro, all’Arechi passa il Milan

Inizio 2023 amaro, all’Arechi passa il Milan

A decidere sono le reti di Leao e Tonali, granata che tornano in partita solo nel finale con il gol di Bonazzoli

444
0
Tempo di lettura: 3 minuti

SALERNITANA-MILAN 1-2

SALERNITANA (3-5-2): Ochoa; Lovato (18’st Daniliuc), Radovanovic, Fazio; Sambia (37’st Kastanos), Coulibaly, Bohinen (37’st Valencia), Vilhena (18’st Bonazzoli), Bradaric; Dia, Piatek. A disposizione: Fiorillo, De Matteis, Pirola, Bronn, Motoc, Capezzi, Iervolino, Botheim. Allenatore: Nicola.

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria (27’Gabbia), Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Bennacer; Saelemaerkers (37’st Dest), Brahim Diaz (18’st De Ketelaere), Leao; Giroud (37’st Vranckx). A disposizione: Mirante, Jungdal, Thiaw, Bakayoko, Pobega, Adli, Lazetic. Allenatore: Pioli.

Arbitro: Fourneau di Roma 1 – assistenti: Del Giovane e De Meo – IV uomo: Pezzuto. Var: Mariani/Avar: Manganiello.

RETI: 10′ Leao (M), 15′ Tonali (M), 37’st Bonazzoli (S).

NOTE. Ammoniti: Giroud (M), Piatek (S), Bradaric (S), Coulibaly (S), Leao (M).

La partita

Inizia con il piede sbagliato, il 2023 della Salernitana. Al Milan, infatti, bastano 15′ per imporsi all’Arechi con le reti di uno scatenato Leao e di Tonali. Prova insufficiente per gran parte del match da parte dei granata che non hanno mai messo in concreta difficoltà la formazione Campione d’Italia se non nel finale di partita con la rete di Bonazzoli.

Il primo tempo

Ad iniziare bene è la Salernitana che attacca il Milan sin dal primo pallone. Al 4′ Bennacer perde palla, recupera Piatek che calcia dalla distanza in porta con la deviazione di Tomori ad evitare guai per i rossoneri. Due minuti dopo (6′), i Campioni d’Italia si fanno vedere con Rafa Leao che- servito dal filtrante di Brahim- salta Radovanovic e va a tu per tu con Ochoa che compie il primo grande intervento della sua avventura granata deviando in angolo. Il portoghese, però, rimanda la gioia del gol al 10′. Tonali trova il 17 che, dopo aver saltato l’estremo difensore messicano, deposita in rete il gol dell’1-0. La giornata di Leao è quella delle migliori, al 15′ lascia sul posto Radovanovic e mette in mezzo per Tonali che calcia a botta sicura, il primo tentativo è sventato ancora da Ochoa che però nulla può sulla seconda conclusione dell’8 rossonero servito da Brahim. Al 23′ si fa rivedere la Salernitana. Dia scambia con Vilhena in area di rigore, la conclusione del senegalese viene deviata in angolo da Tomori. Il Milan, però, continua nel suo forcing. Al 28′ Leao serve Giroud, il francese di tacco va da Brahim che calcia di prima intenzione trovando Bradaric a murare la traiettoria, successivamente lo spagnolo ci riprova ma la sua conclusione termina al lato della porta di Ochoa. Al 32′ sono ancora Tonali, Leao e Giroud a spaventare la Salernitana. L’8 inventa per il portoghese che incolla la palla al piede e di tacco serve il francese, il duo Ochoa-Radovanovic evita il tris lombardo. Al termine della prima frazione, sono i granata a provarci. Bradaric si invola sulla sinistra, sterza su Calabria e serve Sambia, il tiro del francese è però alto.

Il secondo tempo

Primo attacco di stampo rossonero. Al 4’st Saelemaekers serve Giroud che, al momento del tiro, viene chiuso da Radovanovic. Successivamente è ancora il francese a sfiorare il terzo gol sul filtrante di Leao, Ochoa salva. Dopo pochi minuti (6′) Dia lancia Piatek in campo aperto, il polacco viene però rimontato da un provvidenziale Tomori che evita guai. Al 13′ il Milan va sullo 0-3, ad annullare tutto è il Var che permette a Forneau di rilevare il fuorigioco di Brahim. 23′ e ci prova Bonazzoli. Dia, dalla destra, alza la testa e serve il 9 dell’ippocampo che al volo tenta il gran gol, il pallone termina però oltre la traversa di Tatarusanu. Dieci minuti dopo (33′), è ancora la Salernitana a rendersi pericolosa con Sambia che- servito molto bene da Piatek- da pochi passi calcia fuori. La reazione del Milan è affidata ad un calcio di punizione. Al 37′, infatti, Bennacer serve da fermo Giroud che calcia al volo, ad evitare il tris è un doppio intervento di Ochoa sul francese e su De Ketelaere. Gol sbagliato e gol subito perchè sul ribaltamento di fronte Sambia serve Bonazzoli che da posizione defilata fa 1-2.