Home Editoriale La moviola di Salernitana Monza

La moviola di Salernitana Monza

Nel match dell'Arechi, Marinelli dirige autorevolmente. Nell'unico episodio dubbio, il Var Aureliano non gli da una mano

701
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La ventiquattresima giornata del campionato di massima serie, ha messo di fronte Salernitana e Monza: in quella che è stata una partita bella ed intensa, hanno avuto la meglio gli uomini di mister Sousa che hanno battuto gli avversari con un roboante tre a zero.

A dirigere l’incontro è stato il signor Livio Marinelli di Tivoli coadiuvato dagli assistenti Carbone e Giallatini; quarto ufficiale Meraviglia, al Var Aureliano e Minelli.

0cf5929a959ad3098377361d7c25d764 1200x675

Passiamo alla moviola

Al 20′ Sambia (S) entra in area di rigore avversaria e viene contrastato da Caldirola (M): per Marinelli è tutto regolare! Breve silent check con Aureliano e gioco che può riprendere. Episodio molto al limite, visto che il difendente del Monza colpisce il piede dell’avversario con quello che solitamente viene classificato come “step on foot”. Sarebbe stato opportuno richiamare Marinelli ad una on field review, visto che il suddetto contatto sarà sicuramente sfuggito allo stesso.

Al 87′ Donati (M), già ammonito precedentemente, interrompe un’azione potenzialmente pericolosa colpendo il pallone, diretto a Piatek (S), con una mano. Marinelli, molto vicino all’azione, assegna un calcio di punizione diretto a favore della Salernitana ed ammonisce – giustamente – il calciatore brianzolo per la seconda volta. Decisione ineccepibile!

Va assolutamente sottolineato che in questa fattispecie viene adottato il provvedimento disciplinare per aver interrotto un’azione potenzialmente pericolosa, non per la volontarietà. Lo stesso fallo, a difesa schierata e/o in una zona di campo meno pericolosa, sarebbe stato sanzionato solo ed esclusivamente con il provvedimento tecnico, senza alcun cartellino.

In conclusione, è da promuovere a pieni voti la prestazione di Marinelli: atleticamente e disciplinarmente, perfetto. Giustificato, oltre che mal assistito, in occasione dell’episodio Caldirola – Sambia, in quanto coperto da più calciatori.

Ottima la prestazione dei due assistenti Carboni e Giallatini; da rivedere, invece, quella dei due addetti al Var Aureliano e Minelli.

Articolo precedenteCresce il progetto Sousa. Candreva trequartista cuce il gioco e regala imprevedibilità
Articolo successivoPrimo clean sheet e 700 presenze con i club, la domenica di Ochoa
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]