Home Editoriale Il designato speciale

Il designato speciale

581
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Sarà Matteo Marcenaro di Genova, classe 1992, l’arbitro del derby campano in programma domani pomeriggio alle ore quindici, allo stadio “Diego Armando Maradona” di Napoli. Un derby che, senza ombra di dubbio, non è nato sotto le migliori aspettative considerando che l’ufficialità di data e ora di disputa è arrivata appena ventiquattro ore fa.

In foto: Matteo Marcenaro di Genova

Marcenaro, allo stato attuale, vanta dodici presenze nel campionato di massima serie, divise tra lo scorso campionato (tre) e questo (nove); è un arbitro molto giovane con tanta strada davanti. Una strada, però, rivelatasi più volte in salita, soprattutto in questa stagione: il fischietto ligure, infatti, lo scorso undici settembre è finito in un ‘pericoloso vortice di polemiche’ scaturito dalla sua prestazione in Juventus Salernitana, terminata con il risultato di due a due, con tante, tantissime recriminazioni in casa Juventus. Prime pagine di quotidiani, class action, dirigenti e calciatori bianconeri scagliati contro il giovane arbitro, reo di aver annullato per offside la rete regolare di Milik, tenuto in gioco da Candreva.

JUVENTUS – SALERNITANA, 11/09/202

Un solo precedente, dunque, in quel di Torino tra Marcenaro e Salernitana; situazione analoga per i partenopei, che hanno incrociato il fischietto ligure solo in occasione di Napoli Lecce, terminata con un rocambolesco uno a uno, lo scorso trentuno agosto.

Probabilmente, il designatore Rocchi vuole metterlo alla prova affidandogli una gara che – al netto dei festeggiamenti già pronti in terra napoletana – è pur sempre un derby, che potrebbe avere un peso diverso qualora la Lazio non vincesse a Milano. Dunque, Marcenaro dovrà essere bravo a non farsi condizionare dal clima di festa, mantenendo alte concentrazione ed autorevolezza. Doti che, seppur in possesso del giovane arbitro, sono venute meno nell’arco della stagione.

In bocca al lupo, Matteo!

Articolo precedentePower Basket Salerno, domani a Mondragone caccia al primo posto
Articolo successivoIervolino: «La decisione di posticipare ci penalizza»
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]