Home Editoriale La moviola di Salernitana Atalanta

La moviola di Salernitana Atalanta

In un sabato pomeriggio tutt'altro che primaverile, la Salernitana chiude il discorso salvezza: direzione di gara sufficiente quella del romagnolo Piccinini

450
0
A cura di Luca D'Urso
A cura di Luca D'Urso
Tempo di lettura: 2 minuti

La trentacinquesima giornata del campionato di massima serie ha visto scontrarsi Salernitana e Atalanta: un match che non ha deluso le aspettative della vigilia, in quanto le due compagini sono scese in campo con due obiettivi importanti, seppur diametralmente opposti. In quello che può definirsi un autentico ed irrefrenabile ‘nubifragio’, ad avere la meglio sono stati gli uomini di mister Sousa, che hanno portato a casa tre punti fondamentali grazie ad una perla del loro calciatore più rappresentativo: Antonio Candreva.

Team arbitrale composto da: Marco Piccinini di Forlì coadiuvato da Mokhtar e Palermo; quarto ufficiale Camplone, al Var Nasca e Sozza.

Passiamo alla moviola

Nonostante una gara fortemente condizionata dalle avverse condizioni meteorologiche, i ventidue in campo hanno pensato unicamente a giocare, senza mai cadere in comportamenti scorretti o provocatori. Tolto qualche piccolo – e fisiologico – capannello negli ultimissimi istanti della partita, sul taccuino di Piccinini sono finiti solamente in quattro, equamente divisi tra locali ed ospiti: Lassana e Lovato (S); Scalvini e De Roon (A). Ammonizioni giuste, tutte per falli di gioco.

La prestazione di Piccinini, dunque, può ritenersi sufficiente per non aver mai perso dalle mani una partita delicata e spigolosa, per l’importante posta in palio. Giusta anche la decisione di prolungare il recupero nel secondo tempo, causa la prolungata esultanza di Candreva e compagni, al momento della rete.

Buona la prova dei due assistenti Mokhtar e Palermo, inoperosi in sala Var Nasca e Sozza.

Articolo precedenteBando alla scaramanzia, il presente è già futuro
Articolo successivoRitiri Napoli e Salernitana in Abruzzo, Milan: «Si può e si deve fare»
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]