Home News Panchina Inzaghi, un precedente maledetto contro Baroni (poco fortunato con la Salernitana)

Panchina Inzaghi, un precedente maledetto contro Baroni (poco fortunato con la Salernitana)

Pippo fu esonerato a Bologna dopo l'unico k.o. rimediato contro l'allenatore gialloblù, sconfitto quattro volte in carriera dai granata

320
0
image 18
image 18
Tempo di lettura: 3 minuti

Decisiva o meno, Verona – Salernitana sarà gara pesantissima per le sorti di Filippo Inzaghi, chiamato a scacciare un precedente a dir poco malaugurante. La partita “maledetta” è il primo dei quattro confronti (nonché l’unico in Serie A) tra Superpippo e Marco Baroni, tecnico dei gialloblù.

L’esonero di Inzaghi a Bologna

Il match in questione è un Bologna – Frosinone del 27 gennaio 2019, vinto 4-0 dai ciociari: le reti di GhiglioneCiano (doppietta) e Pinamonti inflissero ai rossoblù (in dieci dal 13′ per l’espulsione di Mattiello) un pesantissimo k.o., che spinse il presidente Saputo e il ds Bigon ad esonerare Inzaghi.

Il tecnico lasciò la guida dei felsinei a Sinisa Mihajlovic, che avrebbe poi risollevato la squadra conducendola alla salvezza. Dopo la sconfitta nello scontro diretto con la squadra di Baroni (retrocessa a fine campionato), Inzaghi abbandonò il Bologna al terzultimo posto in classifica con 14 punti in 21 giornate: 8 pareggi, solo 2 vittorie e ben 11 sconfitte.

Gli altri confronti tra i due allenatori

Pippo riaffrontò Baroni in Serie B nell’ottobre 2019, riuscendo stavolta ad avere la meglio: il Benevento dei record si impose 2-0 al Vigorito contro la Cremonese, con i gol degli ex granata Coda Improta. I due tecnici si ritrovarono di fronte nel campionato cadetto 2021-22: Inzaghi a Brescia, Baroni con il Lecce poi promosso in Serie A.

Al Rigamonti finì 1-1, con reti di Dermaku Bisoli. Risultato analogo al Via del Mare, dove il centrocampista delle Rondinelle rispose all’iniziale vantaggio di Strefezza. Anche quel pari, datato 12 marzo 2022, fu l’anticamera di un esonero: subito dopo arrivarono i pareggi con Benevento e Pordenone, utili a Cellino per sollevare Inzaghi dall’incarico, complice il deterioramento dei rapporti e – soprattutto – nonostante una squadra ancora quinta in classifica.

Baroni meno fortunato con la Salernitana

Rispetto al confronto con l’allenatore granata, meno felice è lo storico di Baroni contro la Salernitana: il tecnico fiorentino ha vinto 2 volte, ottenuto 3 pareggi e perso in 4 occasioni. I primi due precedenti risalgono al 2015-16, in Serie B con il Novara: successo granata all’Arechi con Donnarumma, 1-1 al Piola con il gol di Galabinov e il pari di Gatto al 94′.

Il confronto divenne addirittura triplo nel 2016-17, anno in cui il Benevento di Baroni raggiunse la promozione in Serie A. La Salernitana passò il turno di Coppa Italia vincendo ai rigori al Vigorito, poi si ripeté in campionato: 2-1 all’Arechi, reti di Della RoccaLuiz Felipe e Lucioni. Al ritorno nel Sannio fu invece 1-1, con i rigori di Coda Ceravolo.

Il primo successo di Baroni risale al 10 novembre 2019, quando il gol di Ciofani permise alla Cremonese di battere 1-0 i granata allo Zini. Dopo lo scialbo 0-0 tra Reggina e Salernitana nel 2021, condizionato dall’errore di Djuric dal dischetto, lo scorso campionato fu teatro dei primi due confronti in Serie A.

Il Lecce passò 2-1 all’Arechi con i gol di Ceesay Strefezza intervallati dall’autorete di Gonzalez, battendo una Salernitana reduce dal prestigioso 2-2 sul campo della Juventus. Al ritorno i granata ripagarono con la stessa moneta: in gol DiaVilhena Strefezza. Un successo però solo illusorio, poiché di lì a poco il richiamato Nicola avrebbe perso contro Juventus e Verona, venendo definitivamente esonerato.

Una vittoria per Pippo contro il Verona

Poco fortunato è anche lo score di Inzaghi da allenatore contro l’Hellas: il tecnico granata, che a Verona divenne Superpippo durante il suo primo campionato di B, ha vinto solo una volta in panchina contro gli scaligeri. Accadde il 19 ottobre 2014, quando il Milan del tecnico emiliano passò 3-1 al Bentegodi grazie all’autogol di Rafa Marquez e alla doppietta di Honda, che resero vano il gol di Nico Lopez.

Il ritorno a San Siro contro gli uomini di Mandorlini finì 2-2: Toni Ménez su rigore, poi autorete di Tachtsidis e pari ospite di Nico Lopez. Nel 2020-21, invece, Pippo collezionò due sconfitte con il Benevento: i gialloblù di Juric si imposero 3-1 in casa, con doppietta di Barak e gol di Lazovic. Inutile il momentaneo pari di Lapadula. Al Vigorito fu 0-3 per gli scaligeri, con Faraoni, autogol di Foulon e tris firmato Lasagna.

Precedenti in campo dei due allenatori

Non mancano, inoltre, precedenti da calciatore per ambedue i tecnici contro le rispettive squadre. Inzaghi ha affrontato 9 volte da ex il Verona, con le maglie di Piacenza, Atalanta, Juventus e Milan: Superpippo ha vinto 6 volte in carriera contro l’Hellas, a fronte di 2 pari e una sconfitta. 3 i gol segnati: 2 in bianconero, uno con il Diavolo.

Dal canto suo, Baroni ha affrontato la Salernitana da giocatore in 5 occasioni, con le maglie di Ancona e Verona: le gare, giocate tutte in B, si dividono tra due successi per il classe ’63, altrettanti per l’Ippocampo e un pareggio. Il difensore segnò anche una rete decisiva, in un Verona – Salernitana del ’95.