Home Editoriale Verso Napoli – Salernitana

Verso Napoli – Salernitana

Ore decisive per Inzaghi: difficile pianificare l'11 titolare che sabato sfiderà il Napoli al Maradona, causa emergenza in casa granata. A centrocampo gli unici disponibili, al momento, risultano Legonsky e Martegani

580
0
Napoli Salernitana
Napoli Salernitana
Tempo di lettura: < 1 minuto

Prosegue il lavoro settimanale in casa Salernitana agli ordini di mister Pippo Inzaghi. Il tecnico nativo di Piacenza, tra infortuni, squalifiche e indisponibili causa Coppa D’Africa, per la sfida del “Maradona” di sabato sarà costretto a fare la conta dei superstiti nel tentativo di schierare una formazione quanto più possibile competitiva. Il tutto, chiaramente, in attesa di buone nuove proveniente dal mercato.

L’emergenza, ad ogni modo, riguarda soprattutto il centrocampo. Al momento, infatti, gli unici sicuri disponibili sono Legowski e Martegani. In forte dubbio, invece, la presenza di Bohinen e Kastanos, ancora alle prese con i rispettivi infortuni. Il mediano norvegese è reduce da un affaticamento al polpaccio e continua a lavorare a parte. Tra oggi e domani, comunque, potrebbe ritornare a lavorare in gruppo per tentare di strappare quantomeno la convocazione per sabato. Meno speranze di recupero, invece, per Grigoris Kastanos. Il cipriota, finora, ha svolto solo terapie e lavoro individuale dopo il colpo al ginocchio rimediato nella trasferta di Verona. Probabile che si decida di non correre rischi aspettando il completo recupero per la gara dell’Arechi contro il Genoa in programma il prossimo 21 gennaio.

Buone nuove dall’infermeria, invece, su sponda partenopea. Per la gara di sabato, Walter Mazzarri recupera Juan Jesus, Ostigaard e Gaetano, ristabiliti dai rispettivi infortuni.

Tecnico toscano che, invece, dovrà ancora fare a meno degli infortunati di lunngo corso Meret, Natan e Olivera, oltre agli “africani” Osimhen e Anguissa. Assente anche l’ex di turno Pasquale Mazzocchi, espulso dopo 5′ minuti nel suo esordio in maglia azzurra a Torino.

Articolo precedenteLe partite della nostra storia. Gli anni ’10 e ’20.
Articolo successivoSalernitana-Napoli, arbitra Marinelli.
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.