Home Food zone Dal Campo di calcio all’ambito Culinario

Dal Campo di calcio all’ambito Culinario

294
0
Tempo di lettura: 3 minuti
Torta al Limone

Buongiorno e buona domenica cari lettori.

Quest’oggi, mi propongo nuovamente nei vostri schermi, con l’intento di addolcire il palato d’ognuno di voi, dopo il boccone amaro di questo week-end, servitoci venerdì sera in quel di Ferrara, con una “breve” premessa.

Per la Salernitana, è stato un primo piatto, quello del 6 novembre, non solo poco appetibile, appesantito, privo di edulcoranti, ma soprattutto, indigesto.

La Spal ha riservato alla squadra capitanata da Di Tacchio un “fuori pasto” a cui ci stavamo disabituando, grazie ai risultati positivi, legati ad “un’alimentazione corretta” delle ultime settimane.

Un dubbio, però, sorge spontaneo. È possibile che “le pietanze mangiate e digerite” prima di questa partita, siano state smaltite dai granata, senza eccessive difficoltà perché, troppo “leggere” e poco “condite”?

Probabilmente la risposta a questo quesito è affermativa. Quindi, è stato inevitabile il risultato conseguito della Salernitana, data “la cucina” diversa proposta dalla Spal.

“Lo stomaco” dei granata non è allenato e  preparato ancora a “pietanze” simili? Digerire piatti del genere si può? Ovviamente si, ma come e quando?

Metaforicamente parlando, un “problema” simile, sarebbe arginabile fortificando il proprio “stomaco”, alimentando l’ossatura della Salernitana con CALCIO di qualità, solo così si rischierebbero meno spesso scivoloni simili.

Un’occasione quella verificatasi al “Paolo Mazza” da cui è necessario trarre insegnamento, affinché possano ridursi questi passi falsi.

Risulta indispensabile, quindi, approcciare “alla tavola” con maggior consapevolezza e sicurezza delle proprie capacità e volontà, scongiurando in un futuro non troppo lontano, situazioni simili a quella verificatasi contro la corazzata Spal.

Al di là dei limiti presenti ed inequivocabili nella rosa di mister Castori, sarà opportuno enfatizzare al massimo le potenzialità dell’attuale organico granata, per evitare eccessivi danni, prima del mercato di riparazione di Gennaio. Occorrono, inevitabilmente, esperti di settore che, vadano a colmare, il prima possibile, le lacune presenti sin dagli albori, nel medesimo campionato cadetto della Bersagliera.

Augurandoci di assistere prossimamente a partite migliori, cessiamo le metafore calcistiche, chiudiamo momentaneamente la parentesi Salernitana e passiamo all’atto pratico per addolcire la nostra Domenica.

La proposta del giorno è buona, semplice e veloce, vi presento: la torta al limone.

Un dolce arricchito da una nota di limone che regala un gusto più particolare al palato di ognuno.

INGREDIENTI

Farina 00  250 g

Zucchero 200 g

Uova (circa 3 medie) 170 g

Olio di semi 120 g

Succo di limone 100 g

Scorza di limone 

Lievito in polvere per dolci 16 g

Sale fino 1 pizzico

PER IMBURRARE E PER GUARNIRE

Burro q.b.

Zucchero a velo q.b.

Preparazione

In primis spremete un limone e conservate il succo in una ciotolina: ve ne occorreranno 100 g circa. Poi aggiungete in un recipiente uova e zucchero e iniziate a lavorare con le fruste elettriche. Quando avrete ottenuto un composto spumoso, aggiungete un pizzico di sale e versate 2 cucchiai d’olio di semi.

Successivamente, grattugiare la scorza di limone ed inserirla nel composto assieme al succo spremuto in precedenza. Lavorate ancora con le fruste per amalgamare il tutto. Poi, setacciate la farina con il lievito e aggiungete le polveri al composto, un po’ per volta. Lavorate ancora per incorporare le polveri in modo omogeneo, aggiungendo una tazzina di latte. Infine, imburrate uno stampo da 22 cm di diametro e versate il composto al suo interno. Cuocete in forno statico preriscaldato per 40 minuti a 170°.

Fate la prova dello stecchino prima di sfornare la torta, poi lasciatela intiepidire e sformatela delicatamente. Fate raffreddare completamente, poi spolverizzate la superficie con lo zucchero a velo prima di servire la vostra torta soffice al limone.

Augurandovi una buona Domenica, vi saluto con affetto.

Articolo precedenteL’Empoli scala la vetta della classifica. Pareggio beffa del Chievo. Cremonese in caduta libera.
Articolo successivoPrimo squillo del Pescara. Alle 21 in campo il Lecce.
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!