Home News Cosenza, il DS Trinchera: “Le immagini parlano chiaro. La responsabilità è della...

Cosenza, il DS Trinchera: “Le immagini parlano chiaro. La responsabilità è della terna arbitrale”

Le dichiarazioni del direttore sportivo del Cosenza, Stefano Trinchera, sul caso relativo alla sostituzione Bruccini-Ba

2263
0
Trinchera-Cosenza
Fonte: Ilcosenza.it
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nella giornata di oggi, come riportato dai colleghi di Pianetaserieb.it, il direttore sportivo del Cosenza, Stefano Trinchera, ha detto la sua sul caso relativo alla sostituzione Bruccini-Ba. Intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, il DS calabrese ha parlato di “pasticcio” causato da arbitro e quarto uomo che, sempre secondo Trinchera, avrebbero dato il loro assenso all’ingresso in campo del centrocampista francese senza accorgersi, però, della mancata uscita di Bruccini. “Misunderstanding” che, oltre a vedere i “Lupi” giocare in 12 per 40 secondi, ha provocato la prima ammonizione nei confronti di Abou Ba, successivamente espulso per doppia ammonizione dopo un fallo a metà campo.

«Le immagini parlano chiaro. Si è trattato di un pasticcio causato dal quarto uomo e dal direttore di gara. Si vedono i tre giocatori allineati in attesa dell’ingresso in campo insieme al quarto uomo, che successivamente li autorizza ad entrare. Ba non è stato subito ammonito perché la terna arbitrale non si era accorta che Bruccini fosse rimasto in campo. Noi, dalla panchina, abbiamo segnalato che il Cosenza stava giocando in 12, ed ecco che il direttore di gara ammonisce Ba, commettendo un errore clamoroso. Ora non so cosa c’è scritto nel referto, ma le immagini non mentono. Ba era stato autorizzato ad entrare in campo.»

© solosalerno.it – tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Articolo precedenteUno stormo di oche
Articolo successivoCaso Cosenza, la decisione del giudice sportivo: le ultime
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.