Home Editoriale BUON COMPLEANNO SIBERIANO, OVUNQUE TU SIA

BUON COMPLEANNO SIBERIANO, OVUNQUE TU SIA

Oggi, CARMINE RINALDI - meglio conosciuto con l'appellativo di SIBERIANO - avrebbe compiuto 57 anni se il destino non lo avesse prematuramente strappato alla sua quotidianità. Un uomo che è stato un modello da seguire, non solo per la tifoseria di Salerno, ma, ha saputo trasmettere, dandone un valido esempio, insegnamento a chiunque della passione calcistica ne abbia fatto uno stile di vita.

1994
0
Tempo di lettura: 2 minuti
COREOGRAFIA DEDICATA AL SIBERIANO, PRESSO LA CURVA SUD DELLO STADIO ARECHI

Nella memoria di ogni Salernitano resta indelebile la figura del SIBERIANO.
L’emblema del tifo corretto e trasparente, onesto, ma battagliero. La realtà calcistica del cavalluccio marino, vede indissolubile l’icona di CARMINE RINALDI, un’immagine stampata ed impressa nel cuore di chiunque abbia conosciuto le sue “gesta”, direttamente e/o indirettamente.
Un ultrà dalla capigliatura bionda e degli occhi azzurri che, era solito presentarsi allo stadio, ovunque giocasse la sua amata Bersagliera, con la maglietta numero 15, rigorosamente con le maniche corte e con lo sponsor di ” Antonio Amato”.

Qualsiasi fosse stata la temperatura esterna, il fuoco che ardeva nel SIBERIANO, compensava e contrastava anche le temperature climatiche più estreme.


La fede di Carmine nei riguardi della Salernitana è stata senza tempo ed incondizionata, quello per il vessillo granata è stato un amore viscerale che, tutt’ora risulta essere un esempio per tutta la realtà della tifoseria dell’ippocampo e non solo.

La sua storia ha viaggiato per l’Italia ed ha lasciato impronte indelebili lungo il breve, ma intenso percorso che lo ha visto protagonista di una cavalcata intrisa di passione, impregnata di dolori, sacrifici, amicizie e gioie.
SALERNO TI RICORDERÀ SEMPRE CON FORTE STIMA ED AFFETTO.

AUGURI DI BUON COMPLEANNO CARMINE.

Il tuo ricordo vivrà in eterno.

CARMINE RINALDI
Ciccio Rocco e Carmine Rinaldi
Articolo precedenteUNA DOLCE NUVOLA: LA MERINGA
Articolo successivoNella calza della Befana di Castori… c’è Coulibaly: i dettagli dell’operazione
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!