Home News Salernitana, Pajac in pole per la fascia sinistra. In avanti spunta Carretta

Salernitana, Pajac in pole per la fascia sinistra. In avanti spunta Carretta

L'attaccante del Cosenza è in scadenza e piace al club granata. Sondato anche D'Elia, mentre si infittisce l'asse in C con la Juve Stabia

1272
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Ancora attesa in casa Salernitana per l’intensificarsi del mercato invernale. In attesa dell’ufficialità di Coulibaly (atteso nelle prossime 48 ore, sarà presumibilmente già disponibile alla ripresa degli allenamenti), il club granata insegue una serie di profili per rimpinguare la fascia sinistra, zona del campo decisamente più scoperta in assoluto in questa prima parte di campionato. La società di via Allende continua a trattare con Marko Pajac, che resta il primo nome sulla lista del ds Fabiani: l’agente del calciatore Vincenzo Pisacane ha confermato i contatti tra le parti, ma l’ingaggio percepito dal croato di proprietà del Cagliari (650 mila euro) rappresenta ad oggi un ostacolo più che rilevante per la chiusura della trattativa.

Sullo sfondo restano Liotti della Reggina (seguito in A da Sampdoria e Benevento) e Lisi del Pisa, oltre a Nzita e Vitale, il quale in caso di chiamata da via Allende difficilmente rifiuterebbe di tornare a Salerno. Un altro elemento che può fare al caso della società granata è Salvatore D’Elia, esterno sinistro basso in forza al Frosinone: profilo d’esperienza per la categoria, il trentunenne originario di Mugnano di Napoli fin qui ha trovato pochissimo spazio in giallazzurro.

Novità anche sul fronte offensivo, dove la Salernitana ha messo gli occhi su Mirko Carretta: il trentenne di piede mancino – 3 gol in 15 presenze in questa stagione – è in scadenza con il Cosenza, e la società granata potrebbe farci più di un pensierino. In salita la pista Pettinari (corteggiato dalla Cremonese), mentre restano più percorribili le ipotesi Tumminello e Di Gaudio. Quest’ultimo è in uscita dal Verona, così come Laribi, ormai vecchio pallino della società per il centrocampo. Per rinforzare l’attacco, in ogni caso, l’imperativo è cedere e liberare posti in lista over: Veseli e Giannetti i principali indiziati, con quest’ultimo che piace a Pescara e Cremonese e che tempo fa finì proprio nel mirino del Cosenza; l’ex Livorno, dunque, potrebbe divenire una preziosa pedina di scambio per arrivare a Carretta.

Sull’uscio anche Karo, che dovrebbe tornare alla Lazio ed essere girato in prestito altrove (il Pescara resta alla finestra), così come Antonucci, che con ogni probabilità farà ritorno alla Roma. Nessuna offerta concreta ad oggi per Micai e Guerrieri, mentre non è sicuro di restare a Salerno Gondo, sondato da Ascoli e Cittadella: anche un’eventuale partenza dell’ivoriano libererebbe un ulteriore posto nella lista dei diciotto over. Da valutare anche le posizioni di Schiavone e Dziczek, possibili partenti in caso di ulteriori innesti in mediana.

Intanto, dopo il trasferimento di Baraye all’Avellino (via Padova), la Salernitana ha perfezionato un’altra operazione di contorno: il club granata ha interrotto il prestito al Foggia dell’attaccante classe 2001 Carmine Iannone, che resta in Serie C trasferendosi alla Juve Stabia. Il diciannovenne di proprietà granata – lo scorso anno due presenze in prima squadra con Ventura – lascia dunque i satanelli (club in cui militano Kalombo, Galeotafiore, D’Andrea e Vitale, tutti di proprietà del cavalluccio) e passa alla società stabiese, dove ritrova altri due calciatori di proprietà granata come Orlando e Cernigoi, oltre all’ex portiere della Salernitana Daniele Lazzari.

Asse con le Vespe che resta potenzialmente sempre più fitto: la società gialloblù infatti ha chiesto informazioni per Firenze (che probabilmente farà ritorno a Salerno in cerca di una nuova sistemazione dopo un’infelice parentesi a Novara), mentre il club granata non ha mai nascosto i propri apprezzamenti per il centrocampista ventiquattrenne Alessandro Mastalli.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.