Home Food zone CHEESECAKE AI FRUTTI DI BOSCO, GRANATA, COME IL NOSTRO VESSILLO

CHEESECAKE AI FRUTTI DI BOSCO, GRANATA, COME IL NOSTRO VESSILLO

Un dolce che mette tutti d'accordo. Perfetto per ogni tipo di esigenza, anche per celiaci - acquistando i biscotti adatti. Una torta dall'aspetto elegante e fine, la sua morbida copertura COLOR GRANATA è così scenografica che non passerà inosservata una volta servita a tavola.

594
0
Tempo di lettura: 3 minuti

Buongiorno e buona Domenica. Per addolcire queste giornate amare, caratterizzate ancora dall’emergenza sanitaria, la proposta del dolce, continua a primeggiare sull’alternativa salata.

Oggi ripercorreremo assieme le origini di una torta che risulta tanto versatile quanto buona, appropriata in ogni occasione: La CHEESECAKE.

Ne esistono infinite varianti, ma tutte hanno in comune una base fatta con biscotti secchi sbriciolati e burro, una farcia di crema al formaggio e una copertura legate alle preferenze personali (frutta, cioccolato, miele…)

Esistono convinzioni errate che, riconducono agli Stati uniti d’America la nascita di questa prelibatezza, ma, non è così. La cheesecake nasce in Europa, nello specifico nell’antica Grecia.

Fonti storiche raccontano di come già durante le Olimpiadi, gli atleti dell’isola di Delos usavano rifocillarsi con una torta a base di miele e formaggio di pecora, pasto energetico e calorico, per vivere ai massimi livelli le proprie prestazioni da atleti.

Poco si sa su come la torta al formaggio sia stata tramandata dal mondo antico a quello moderno.

Sicuramente l’espansione dell’impero romano fece propagare la ricetta in tutta Europa: divenne un dolce così diffuso da diventare la torta simbolo degli esperantisti, un gruppo di persone accomunate dall’uso dell’Esperanto, lingua antica creata per unire i popoli e facilitarne il dialogo.

La versione moderna della cheesecake, con base croccante e crema al formaggio, nasce, invece, a Philadelphia, sulle battute finali del 1800, grazie al produttore lattiero-caseario James L. Kraft.

Il lattaio riuscì a dare vita ad una crema al formaggio diversamente gustosa, diventata poi famosa in tutto il mondo con il nome di Philadelphia.

Questo formaggio spalmabile divenne l’ingrediente portante della moderna cheesecake, che si diffuse celermente, in primis, negli Stati Uniti e in Inghilterra.

Ad oggi la CHEESECAKE è diffusa in tutto il mondo, in tantissime varianti: cotta, oppure fredda, dolce e/o salata, con e senza glassatura.

La versione che oggi vi proporrò sarà fredda e con la farcitura ai frutti di bosco. Una realizzazione prelibata, più volte tesata con la mia amata sorellina Valentina, una grande ideatrice di dolci. Non posso che apprendere dalla maestria e dalla passione che la mia dolce metà impiega in cucina.

CHEESECAKE AI FRUTTI DI BOSCO

Ingredienti che occorrono per la base biscottata:

200gr. di biscotti secchi
 120gr. di burro

INGREDIENTI NECESSARI PER LA CREMA:

250 gr. di panna fresca liquida
170gr. di mascarpone o Philadelphia ( a seconda dei gusti)
170gr. di latte condensato
8gr. di gelatina in fogli

PER LA DECORAZIONE:
Marmellata ai frutti di bosco
250gr. di frutti di bosco

PREPARAZIONE

  • Per iniziare la preparazione della Cheesecake con i frutti di bosco, dovete partire dal fondo biscottato.
  • tritate finemente i biscotti,( mettendoli in un sacchetto in plastica e polverizzarli schiacciandoli con un matterello) , poi versateli in un recipiente ed uniteli al burro precedentemente sciolto.
  • Amalgamare bene fino ad incorporarli del tutto. Rivestire con la carta forno, uno stampo da 24 cm di diametro, a cerchio apribile.
  • Versare i biscotti sbriciolati e compattare benr la base di biscotto con il dorso del cucchiaio.
  • Riponete in freezer per 20 minuti.
  • Lasciate in ammollo in una ciotola d’acqua fresca 3 fogli di gelatina, affinchè si ammorbidiscano.
  • Nel frattempo, montate a neve la panna fredda di frigorifero.
  • Aggiungetevi poi, il latte condensato e Philadelphia o mascarpone.
  • Una volta ammorbidita la gelatina, strizzatela e fatela sciogliere in un pentolino con un pò di panna riscaldata all’interno, dopodichè aggiungetela alla crema bianca.
  • Fatto questo riprendete il fondo biscottato e versatevi sopra la crema che, dovrà essere livellataper bene con una spatola.
  • La cheesecake, andrà quindi messa in freezer a freddare per un’ora e mezza.
  • Nel frattempo, prendete il barattolo di marmellata e fatelo sciogliere un pò in un pentolino (a bagnomaria), cosi che sia più semplice stenderlo per guarnire la torta.
  • trascorso il tempo, decorate la vostra cheesecake con la marmellata e posizionate i frutti di bosco come più vi piace.
  • Una volta ultimata la cheesecake, conservatela in frogorifero e dopo 3-4 ore, potrete gustarla.

Grazie per l’attenzione che mi avete dedicato. Pongo un particolare saluto alla mia collaboratrice D’ECCELLENZA, ovvero, mia sorella VALENTINA PALUMBO.

Buon appetito e buona Domenica a tutti.

Articolo precedenteSalernitana, big match al Castellani: 4-3-1-2 per Dionisi, Castori lancia Coulibaly dal 1′
Articolo successivoSi sblocca Kiyine, attesa per Durmisi. Il centrocampista è atteso in città entro martedì
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!