Home News Passo falso del Cittadella che perde il derby con il Venezia. Pari...

Passo falso del Cittadella che perde il derby con il Venezia. Pari anche del Frosinone.

Il Pordenone pareggia a Cosenza. Domani in programma due gare. Lunedì in campo il Monza. Mercoledì il recupero tra Chievo e Cittadella

235
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La vittoria netta e meritata ai danni del Pescara regala alla Salernitana il momentaneo secondo posto in classifica, in attesa delle gare di domani che vedranno in campo la Spal in trasferta a Cremona e la capolista Empoli impegnata sul difficile campo di Lecce. Lunedi, invece, in programma un’altra gara che interessa da vicino la Salernitana, vale a dire quella tra Brescia e Monza, con i brianzoli che, in caso di vittoria, raggiungerebbero la Salernitana a 34 punti.

Il passo falso della giornata lo compie il Cittadella che perde di misura il derby con il Venezia. Uno a zero il risultato finale nella gara che avrebbe potuto rilanciare ancora di più in classifica la squadra di Venturato. Se il Venezia ha avuto il merito di sbloccare il match dopo tre minuti grazie ad un tocco sotto misura di Forte, il Cittadella, pur avendo quasi tutta la gara per pareggiare, non è risuscita ad impensierire quasi mai la retroguardia del Venezia. La squadra di Zanetti esce, quindi, da un periodo buio mentre il Cittadella tornerà in campo mercoledì per recuperare la gara con il Chievo.

Passo falso anche del Frosinone che allo “Stirpe” non va oltre l’uno a uno contro la Reggina. I calabresi sono riusciti anche a passare in vantaggio con Folorunsho al 28′ grazie ad un pregevole assist di Menez. Soltanto un calcio di rigore assegnato per fallo di Lakicevic su Rohden al minuto 83 consente ai ciociari di pareggiare. Dal dischetto Tabanelli non fallisce. Il Frosinone, per adesso è fuori dalla zona play off mentre la Reggina si porta di un soffio fuori dalla zona pericolosa.

Sempre per la zona play off pareggio a reti bianche tra Cosenza e Pordenone. Una gara abbastanza nervosa ma sostanzialmente brutta da vedere quella andata in scena al San Vito. Il Pordenone, però deve solo mangiarsi le mani per il rigore (molto dubbio) sbagliato da Diaw al minuto 21. Da segnale anche un’espulsione per parte: Corsi per il Cosenza e Berra per il Pordenone.

Stesso risultato anche ad Ascoli tra i bianconeri di Sottil ed il Chievo. Va detto che l’Ascoli avrebbe meritato la vittoria per il numero di occasioni create, tutte neutralizzate dal portiere Semper. Solo nel finale il Chievo ha cercato con insistenza un vantaggio che non avrebbe rispecchiato l’andamento della partita.

Per la parte medio bassa della classifica successi per la Reggiana ai danni del Vicenza e dell’Entella contro il Pisa. Entrambe le gare sono terminate con il risultato di 2-1.

Articolo precedenteGondo a DAZN: “Vittoria importante, il ritiro ci è servito”
Articolo successivoKiyine “nì”, Giannetti verso Pescara. Incognita Tutino