Home Editoriale SOFIAN KIYINE PROMETTE IL CUORE ALLA CITTÀ DI SALERNO

SOFIAN KIYINE PROMETTE IL CUORE ALLA CITTÀ DI SALERNO

KIYINE vuole conquistare Salerno e la Salernitana, ha iniziato lanciando messaggi d'amore tramite post sul proprio profilo Instagram. Per infiammare la piazza campana, ancora brace, è necessario che le dimostrazioni, di passione e sentimento nei riguardi della causa granata, vengano evidenziate sin da subito, ma, in campo!!!

713
0
Tempo di lettura: 2 minuti
Sofian Kiyine (Foto US Salernitana 1919)

MACTE ANIMO!

È questa la locuzione latina con la quale Sofian Kiyine  si fa spazio e si reintroduce, ufficialmente – per la terza volta – nel palcoscenico salernitano. La sequenza delle due parole utilizzate dal calciatore che, indosserà la casacca numero 31, vuole essere una spinta motivazionale e di convincimento volta ad iniziare nel migliore dei modi una nuova esperienza in granata.

“Coraggio”, è questa la traduzione del messaggio introduttivo del classe ’97 postato sul proprio profilo Instagram. Un sostantivo – quello utilizzato – la cui etimologia è di origine latina, composta da due parole, ovvero: “cor”e “habere” che, tradotte letteralmente significano “avere un cuore”. Sì, perché per tornare a Salerno c’è bisogno che quest’organo vitale racchiuso, non solo in petto, ma, anche, nella parola “coraggio”, possa essere non solo esistente ma, presente!!!

Giocare in una piazza importante e calda come quella dell’ippocampo, richiede sacrificio, convinzione, impegno, dedizione e passione. Salerno non è solo un luogo di passaggio, non è una vetrina o un trampolino di lancio per ambire a nuotare in una piscina dai bordi bianchi e dall’acqua azzurra. Salerno è uno stato d’animo, dev’essere “casa” , dev’essere sentimento per coloro che hanno la possibilità di viverla e conoscerla.

La squadra del cavalluccio marino dev’essere vissuta da uomini – qualsiasi ruolo ricoprano e rivestano – sinceramente motivati e che, vedano nel proprio spazio temporale in città, un’occasione per fare bene, non solo individualmente ma, per e con il collettivo.

La squadra, la società, la tifoseria pur abitando su piani differenti, vivono, comunque, nello stesso palazzo e necessitano di intersecarsi tra loro, perché si possa mirare a vincere insieme.

Quindi, il ritorno in granata di Sofian Kiyine, al di là del passato che lo ha già visto protagonista con la Bersagliera, prima di riabbracciare “mamma Lazio” , deve rappresentare per il calciatore marocchino un’occasione per coltivare ed alimentare quelle qualità, parzialmente inespresse, ma, in promettente fase di fioritura. Salerno merita di essere inondata da profumi sinceri ed autentici, presupposti imprescindibili per fare bene e farsi volere bene.

I ragazzi di mister Castori fino ad ora hanno “costruito” e dato vita ad una classifica che, vede la Salernitana in una posizione interessante. C’è, quindi, l’obbligo di continuare a “concimare” questo terreno, affinché sia, ulteriormente, fertile per portare avanti una realtà ed un’opportunità da NON PERDERE!

Articolo precedenteIl mercato delle altre di B, il punto del 28 gennaio
Articolo successivoPlusvalenze Salernitana-Lazio, Lotito sotto esame in Lega B
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!