Home News Spal ed Empoli si dividono la posta. Il Lecce ritrova la vittoria....

Spal ed Empoli si dividono la posta. Il Lecce ritrova la vittoria. Il Cittadella scavalca il Monza.

Vittoria anche del Venezia contro il Pescara. Breda in bilico. Grassadonia sull'uscio.

300
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Sempre più avvincente il torneo di B soprattutto dopo i risultati maturati nel pomeriggio. In pratica, le squadre di testa vincono tutte tranne l’Empoli e la Salernitana senza contare, ovviamente, lo scivolone del Monza che ieri è stato sconfitto dal Pisa. In virtù di tali risultati, la Salernitana adesso è sesta anche se, nel giro di un punto, ci sono ben cinque squadre.

C’era attesa per il big match tra Spal ed Empoli e la gara non ha tradito le aspettative. La Spal ha cercato di mettersi alle spalle un periodo brutto fatto di pareggi e sconfitte ma ha dovuto fare i conti con la capolista. La gara è finita 1-1 tra grandi polemiche dovute al rigore assegnato alla Spal al 74′, rigore che è apparso davvero generoso per non dire inesistente. L’Empoli, in ogni caso, colleziona il terzo pareggio consecutivo. I toscani sono passati in vantaggio con un eurogol del solito Mancuso che, dopo una discesa di tenta metri sulla destra, ha trovato l’angolo giusto per battere Berisha. Il pari di Esposito su rigore ha poi rimesso la gara in parità.

Torna alla vittoria il lecce che espugna lo “Zini” di Cremona vincendo per 2-1. La Cremonese è riuscita anche a passare in vantaggio con Gaetano al 6′ minuto dopo una bella combinazione con Ciofani. Il pari alla mezz’ora è arrivato grazie ad un autorete sfortunato di Castagnetti che ha deviato un tiro di Rodriguez. Ci pensa ancora Pablo Rodriguez al 53′ a regalare il vantaggio ai salentini, con un diagonale imprendibile. Spaventosa la media gol dell’attaccante spagnolo (6 partite e 4 reti) per il calciatore cresciuto nella “cantera” del Real Madrid. Il Lecce, quindi, interrompe la sua serie negativa e si riaffaccia in zona play off.

Vittoria del Venezia ai danni dell’ormai rassegnato Pescara. la cura Breda non ha sortito gli effetti sperati e la sua posizione sembra sempre più in bilico. La società sta pensando seriamente di sostituire l’ex trainer della Salernitana. Da ciò che trapela, il presidente Sebastaini starebbe pensando di sostituire Breda con il salernitano Grassadonia, lo scorso anno alla guida del Catanzaro. Tutto troppo facile per i lagunari, passati in vantaggio grazie ad un autorete di Sorensen al 15′ sugli sviluppi di un corner. Il raddoppio nella ripresa al 74′, ancora sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Dezi e concluso di testa dal capitano Modolo. Il Pescara ha anche sbagliato un rigore al 85′ con Ceter che ha mandato in alto il tiro dagli undici metri. Venezia che sale al quinto posto mentre il Pescara divide l’ultima posizione con l’Entella che, però, giocherà domani con il Frosinone

Il Cittadella trova i tre punti sul campo del Pordenone grazie ad un gol di Beretta al 15′. Un’azione ben costruita da un cross di Benedetti dalla sinistra ed un assist di Tsadjout di testa per l’attaccante veneto. Il Cittadella balza al secondo posto scavalcando il Monza. Per il Pordenone si tratta di una battuta d’arresto che la pone momentaneamente fuori dalla zona play off.

Domani in programma tre gare: Entella-Frosinone, Reggiana-Ascoli e Brescia-Chievo. Lunedi in campo Cosenza e Reggina.

Articolo precedenteBene Mantovani ed Aya. Tutino si spegne nella ripresa. Centrocampo in sofferenza
Articolo successivoLa concretezza della formica, ma non esiste primavera senza ‘cicale’