Home News Vittorie di Spal e Monza. I brianzoli vincono ma il Pordenone protesta...

Vittorie di Spal e Monza. I brianzoli vincono ma il Pordenone protesta per un mancato rigore.

Sconfitta pesante per il Venezia. Il Frosinone torna alla vittoria

298
0
Tempo di lettura: 3 minuti

Aspettando le gare di domani e lunedì la Salernitana si gode il suo terzo posto in classifica che non potrà essere attaccato indipendentemente dai risultati che matureranno. In questo sabato, soltanto la Spal ed il Monza riescono a vincere rispettivamente contro un Pescara sempre più in crisi ed un Pordenone che recrimina su alcuni episodi arbitrali.

C’era attesa per la gara del Monza che, pur senza giocare una partita memorabile, riesce a battere un coriaceo Pordenone con il risultato di due a zero. I neroverdi, però, contestano alcune decisioni dell’arbitro Abbattista che nega un rigore solare al Pordenone per un fallo di mano di Bellusci quando la gara era ferma sull’uno a zero per i ragazzi di Brocchi. Il Monza riusciva a passare in vantaggio al 25′ con Frattesi, lasciato libero di svettare sul corner di Scozzarella. Il Monza però non riusciva a legittimare il vantaggio rischiando il pari in almeno un paio di occasioni. Nella ripresa gli episodi chiave: al 59′ Abbattista non concede un rigore solare al Pordenone per un fallo di mano di Bellusci in area e dopo un minuto concede il penalty ai brianzoli per un fallo in area (apparso netto) ai danni di Sampirisi. Dal dischetto Gytkiaer non sbaglia. Il Monza ha finito in dieci per l’espulsione di Carlos Augusto. Il Monza si conferma seconda forza del campionato.

Fa scalpore la sconfitta interna del Venezia ad opera di un Brescia che ha giocato la sua gara più bella in trasferta fermando, di fatto, la corsa del Venezia dopo un mese e mezzo di risultati positivi. L’ultima sconfitta dei lagunari risaliva allo scorso 16 gennaio, quando il Venezia perse con il Pordenone. La gara del “Penzo” è stata bella, intensa e ricca di emozioni. Un primo tempo perfetto per i ragazzi di Clotet che sono passati in vantaggio con il solito Ayè (a segno per sette gare consecutive) al 33’ che ha capitalizzato un cross teso di Jagiello. La ripresa è stata equilibrata con il Venezia che ha provato a riaprire la gara. Il Brescia, però, ha rischiato di raddoppiare in almeno due occasioni. Da segnalare i due pali di Bjarnason al 50’ ed al 52’. L’islandese ha anche salvato sulla linea un colpo di testa di Modolo. In pieno recupero.

La Spal sbanca l’Adriatico di Pescara e torna rivedere la zona play off. È bastato un rigore trasformato da Valoti nel primo tempo per consegnare ai ragazzi di mister Marino la vittoria. Un fallo ingenuo di Scognamiglio su Mora ha indotto l’arbitro La Penna ad indicare il dischetto. Il Pescara ha giocato un tempo e mezzo in dieci uomini per l’espulsione di Drudi, comminata per un fallo di reazione ai danni di Mora.

Torna alla vittoria il Frosinone che va a prendersi tre punti d’oro in casa del Cosenza. 2-1 il risultato finale per i ciociari, che vedono la zona play off a soli tre punti. Male il Cosenza che incappa nella seconda sconfitta consecutiva ed inguaia la sua classifica. Eppure, il Cosenza dopo soli sei minuti era riuscito a passare in vantaggio con un gol bellissimo di Crecco, bravo a capitalizzare un cross del solito Tremolada. Novakovic al 44’ riusciva a pareggiare i conti sfruttando un perfetto contropiede.  Al minuto 85 l’errore in marcatura di Ingrosso permetteva a Szyminski di colpire di testa e battere il portiere silano Falcone.

Senza particolari emozioni i pareggi a reti bianche tra Pisa e Reggina ed Entella ed Ascoli.

Domani saranno in programma due gare importantissime per l’alta classifica: alle 15 in campo Empoli e Cittadella mentre alle 21 è in programma Reggiana-Lecce. Lunedi chiuderà la giornata Chievo-Vicenza, fissata per le ore 19.  

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.