Home News L’Empoli allunga in classifica. Il Lecce non si ferma più. Ennesimo passo...

L’Empoli allunga in classifica. Il Lecce non si ferma più. Ennesimo passo falso del Monza.

Pari beffa per il Venezia ad Ascoli. Il Frosinone in caduta libera.

306
0
Tempo di lettura: 3 minuti

L’Empoli ritorna alla vittoria e consolida la sua leadership in classifica dopo la vittoria ai danni del Vicenza. I ragazzi di Dionisi regolano i veneti per 2-0 e allungano in classifica. Il divario con le seconde (Monza e Salernitana) è di sei punti con l’impressione, ormai, che il primo posto sia davvero inattaccabile. L’Empoli ha ottenuto il massimo vantaggio con il minimo sforzo. Già al minuto 8 l’Empoli è riuscito a passare grazie al tap in vincente del solito Mancuso. Da segnalare, nel secondo tempo, un gran tiro di Bruscagin del Vicenza finito sul palo e pio sulle spalle di Brignoli. Il pallone, però, non è entrato. Il raddoppio dell’Empoli è arrivato grazie ad un rigore inesistente fischiato per fallo del portiere Grandi su Matos. Il portiere non tocca il calciatore dell’Empoli ma l’arbitro è apparso irremovibile. Dal dischetto ha realizzato lo stesso Matos.   

Il passo falso del Monza è sicuramente il risultato più eclatante della giornata di B. Gli uomini di Brocchi lasciano alla Reggina tre punti pesanti che non consentono ai brianzoli di insidiare la leadership dell’Empoli. Anzi, il Monza si fa raggiungere dalla Salernitana che, a sua volta, spreca l’occasione di portarsi al secondo posto dopo il pareggio interno con il Cosenza. La gara del Granillo viene decisa da Rivas al 56’ su un preciso assist di Bellomo. Monza pericoloso soltanto in un paio di occasioni su calcio da fermo di Balotelli.

Continua la serie positiva per il Lecce che conquista la sua seconda vittoria consecutiva. Dopo la sconfitta interna con l’Ascoli, risalente ad un mese fa, i salentini hanno conquistato quattro vittorie e tre pareggi. A cadere sotto i colpi del Lecce è stato il Chievo, battuto nettamente per 4-2. Il Lecce archivia la già la pratica nel primo tempo, terminato 4-1. Il Lecce passa in vantaggio con l’eterno Maggio ma i clivensi riescono a pareggiare con Obi. Coda, però si ricorda di essere un bomber implacabile e realizza una bellissima doppietta al 25’ ed al 38’. Pettinari chiude i conti nella prima frazione di gioco al minuto 42. Solo per la statistica il secondo gol del Chievo ad opera di Mogos. Il Chievo, però, fallisce anche un rigore con Leverbe che avrebbe potuto riaprire la gara.

Passo falso anche del Venezia che pareggia 1-1 al “Del Duca” di Ascoli. Una beffa per i ragazzi di Zanetti che vedono sfumare i tre punti al minuto 87’ grazie ad un gol di Bajic. Fatale una disattenzione generale della difesa veneta. L’Ascoli ha giocato più di mezz’ora della ripresa in dieci per l’espulsione di Brosco. Il Venezia era passato in vantaggio al 48’ con un preciso diagonale di Fiordilino su assist di Ceccaroni. Insomma, una occasione persa per il Venezia che avrebbe potuto scavalcare sia Monza che Salernitana.

Chi perde punti play off è certamente il Frosinone che i fa battere allo “Stirpe” dal misterBrescia che nelle ultime quattro gare ha conquistato ben dieci punti, frutto di tre vittorie ed un pareggio. Il Frosinone si trova a meno cinque dalla zona play off e con un Nesta sempre più in bilico sulla panchina. La partita si infiamma nel finale: al 85’ Kastanos colpisce in pieno il palo e Ciano, sulla ribattuta, non riesce a ribadire in gol. Al 93’ ci pensa Ndoj a capitalizzare un assist di Pajac e regalare i tre punti alle rondinelle.

Ieri il Cittadella ha superato 2-0 il Pisa, mentre la Spal non è riuscita ad andare oltre lo 0-0 contro l’Entella ultima in classifica.

La serie B tornerà in campo martedì per il turno infrasettimanale. Lunedi in programma l’anticipo serale tra Pisa e Spal.

Articolo precedenteSalernitana-Cosenza, Falcone a DAZN: “Punto fondamentale. La parata? Mi è andata bene”
Articolo successivoSalvare il soldato Tutino. La vanità per un’idea non seppellisca il patrimonio tecnico disponibile