Home Editoriale Non è mai facile vincere, a Pescara servirà l’ultimo sforzo per centrare...

Non è mai facile vincere, a Pescara servirà l’ultimo sforzo per centrare la promozione

Con l'Empoli è stata più dura di quanto si potrebbe pensare ed ora servirà un'altra prova da grande squadra

742
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Tutto facile e tutto come da copione? A guardare solo il risultato finale, a qualcuno verrebbe da dire di sì. Basterebbe interrogare i volti dei calciatori della Salernitana per essere clamorosamente smentiti.

Contro la capolista, che giocava senza condizionamenti di sorta, la Salernitana ha faticato e tanto per conquistare i tre punti che erano indispensabili per alimentare il grande sogno. La qualità dell’Empoli, che ha dimostrato di avere giovani del vivaio molto interessanti (come il difensore centrale Viti), ha messo a dura prova la squadra granata, che ha dovuto rincorrere spesso gli avversari e che doveva fare i conti anche con il peso della responsabilità per l’occasione che aveva a disposizione.

La vittoria è stata frutto dell’ennesima prova di sacrificio, sagacia, spirito di squadra, ma la spesa fisica e nervosa è stata notevole.

Ora bisognerà ricaricare le pile e preparare la gara di Pescara, l’ultimo passo che manca per completare un percorso lungo trentotto giornate. Anche lunedì la Salernitana dovrà entrare in campo con la consapevolezza che non troverà il tappeto rosso sulla sua strada, ma una serie di ostacoli da superare, su tutti l’orgoglio di un gruppo fresco di retrocessione che certo non vive giorni facili in riva all’Adriatico.

Agli incubi del Pescara fa da contraltare il sogno che la Salernitana sta vivendo ad occhi aperti e che dovrà essere trasformato in realtà con una vittoria. Del resto, il 10 maggio è data che tutti a Salerno ricordano bene…

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.