Home News Playoff Serie B, oggi l’andata della finale tra Cittadella e Venezia

Playoff Serie B, oggi l’andata della finale tra Cittadella e Venezia

Al Tombolato si affrontano le formazioni di Venturato e Zanetti per il primo atto della finalissima: impossibile fare pronostici

334
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Quasi otto mesi dopo la prima giornata di campionato, la Serie B si prepara ad assegnare il suo ultimo verdetto. Questa sera si giocherà la gara d’andata della finale playoff tra Cittadella e Venezia, un doppio confronto che mette in palio il terzo ed ultimo posto nel prossimo campionato di Serie A, al fianco delle già promosse Empoli e Salernitana.

Al Tombolato si affrontano le formazioni di Venturato e Zanetti, senza dubbio due delle realtà più interessanti del campionato cadetto: nonostante occupino entrambe la parte sinistra nella speciale classifica riservata al monte ingaggi, le due venete hanno espresso un ottimo calcio, e certamente meriterebbero in egual misura l’approdo in massima serie.

Il Cittadella ha battuto di misura il Brescia nel turno preliminare, salvo poi vivere una semifinale altalenante con il Monza: all’andata 3-0 per i granata, al ritorno 2-0 per i brianzoli, cui è mancato solo un gol per accedere alla finale. Palpitazioni estreme anche per il Venezia, che prima ha superato 3-2 il Chievo in una battaglia lunga 120 minuti, e poi ha avuto la meglio in extremis sul Lecce in semifinale: 1-0 per i lagunari al Penzo, 1-1 al Via del Mare, con il brivido rappresentato dal rigore sbagliato da Mancosu. Un penalty che, se trasformato, avrebbe tolto a Forte e compagni la possibilità di giocarsi il sogno Serie A.

E invece, Cittadella e Venezia combatteranno meritatamente per un posto in massima serie. I granata cercano la prima promozione della loro storia, mentre i lagunari vanno a caccia della tredicesima apparizione in A, 19 anni dopo l’ultima volta. Inoltre, un dato interessante riguarda il fatto che, dal 2013-2014, anno dell’allargamento degli spareggi promozione a 6 squadre, soltanto in due occasioni entrambe le formazioni arrivate in finale erano partite dal turno preliminare: le prime furono il Benevento di Baroni e il Carpi di Castori nel 2017, mentre la seconda circostanza risale a due anni fa, quando il Verona di Aglietti si impose 3-0 al Bentegodi proprio sul Cittadella di Venturato, rendendo vano il 2-0 ottenuto dai granata nella gara d’andata al Tombolato.

Questa sera alle 21:15, a 1086 giorni di distanza da quella partita drammatica dal punto di vista sportivo, i granata del nord giocheranno un altro derby, e certamente vorranno evitare quello stesso destino che, incredibilmente, stava per ripresentarsi giovedì a Monza. Il Venezia, dal canto suo, proverà a compiere il primo step verso una promozione che avrebbe il sapore di capolavoro. Il tutto con un occhio alla gara di ritorno, che si giocherà al Penzo giovedì sera.

Articolo precedentePrimavera 2 – Salernitana ancora ko: il Napoli supera in casa 3-0 i granata
Articolo successivo“Il lato oscuro dell’Aia”.
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.