Home Editoriale Sole cocente in quel di Cascia e allenamento intenso per i granata....

Sole cocente in quel di Cascia e allenamento intenso per i granata. Strandberg si è unito al gruppo

Ripetizioni ed intensità durante la seduta mattutina. La squadra è stata divisa in più gruppi per differenziare e personalizzare il lavoro dei calciatori.

998
0
Tempo di lettura: 2 minuti

L’ottavo giorno di ritiro è cominciato con una seduta dall’allenamento non poco intensa per i calciatori della Salernitana.

Mister Castori, coadiuvato da Bocchini, Pestrin ed il restante staff tecnico, ha organizzato il lavoro da svolgere in campo basandolo soprattutto sull’attività aerobica.

Dopo il warmup iniziale che ha visto coinvolti tutti i calciatori, la squadra è stata divisa in diversi gruppi. Sono stati realizzati esercizi con palla al piede, volti alla finalizzazione nella porta piccola posta all’estremità del campo. Inoltre, è stato svolto un lavoro differenziato per i portieri. Anche Gyombér (leggermente affaticato), Galeotafiore ed il norvegese Strandberg hanno lavorato a parte. Proprio quest’ultimo è parso fortemente concentrato e meticoloso nell’esecuzione degli esercizi che gli sono stati assegnati.

Al termine della seduta, durata circa un paio d’ore, tutti i calciatori hanno optato per qualche minuto di crioterapia, immergendosi in vasche ricolme di ghiaccio. Dopo avere praticato un’intensa attività fisica questo metodo di recupero risulta essere davvero efficace, in quanto, racchiude in se proprietà terapeutiche ed antinfiammatorie volte a smaltire l’acido lattico e lenire il dolore muscolare.

Rammentiamo, inoltre, che non hanno partecipato alla seduta d’allenamento mattutina Boultam e Bogdan che, affaticati dopo la partita disputata contro la Sambenedettese, hanno svolto un lavoro differenziato con la supervisione dei fisioterapisti.

Articolo precedenteIl mercato delle altre, il punto del 22 luglio
Articolo successivoSalernitana, caccia agli attaccanti: Tutino, Lammers e non solo. Sfuma l’idea Cerofolini tra i pali
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!