Home News Tra calendario e classifica, un periodo cruciale: quattro scontri diretti in un...

Tra calendario e classifica, un periodo cruciale: quattro scontri diretti in un mese

La Salernitana si avvicina ad una fase chiave del proprio campionato: 360 minuti fondamentali per le sorti di un’intera stagione

809
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La quinta sconfitta in sei partite ha lasciato nuovamente a mani vuote la Salernitana, nonostante la discreta prova di squadra offerta al cospetto di un Sassuolo comunque superiore sulla carta. I granata restano all’ultimo posto con appena un punto – quello conquistato mercoledì scorso all’Arechi contro il Verona –, situazione assolutamente da ribaltare il prima possibile, al fine di evitare un girone di ritorno senza alcuna speranza di permanenza nella categoria.

Il calendario dei granata propone ora quattro gare che – a maggior ragione con questa classifica – diventano letteralmente cruciali per la stagione della truppa di Castori. Quattro scontri diretti nei quali sarà fondamentale racimolare la maggior quantità possibile di punti e costituire un bottino utile per iscriversi una volta per tutte alla lotta salvezza.

La prima gara clou sarà quella di sabato alle 15:00, quando all’Arechi arriverà il Genoa di Ballardini, attualmente sedicesimo con 5 punti all’attivo. Poi ci sarà la sosta dovuta alle Nazionali, al termine della quale la Salernitana tornerà in campo al Picco contro lo Spezia di Thiago Motta, che – diciassettesimo con 4 punti – è un altro avversario diretto dell’ippocampo. I liguri sono reduci da due sconfitte casalinghe in altrettante prove ben giocate contro Juventus e Milan, e faranno visita al Verona domenica pomeriggio, per poi ospitare i granata sabato 16 ottobre alle 15:00.

Dopo la trasferta spezzina, Coulibaly e compagni ospiteranno l’Empoli sabato 23 ottobre: la squadra di Andreazzoli è al momento la grande sorpresa del campionato, avendo conquistato 9 punti nelle prime 6 giornate; nonostante ciò, gli azzurri – attualmente ottavi in classifica – sono attesi da due gare difficili prima dell’impegno a Salerno, dovendo affrontare Roma in trasferta e Atalanta in casa. Due match che rischiano di riassorbire nelle zone pericolose la formazione toscana, la quale è stata però capace di battere la Juventus un mese fa.

Dopo la sfida con l’Empoli, la Salernitana tornerà subito in campo al Penzo, sfidando il Venezia nel secondo turno infrasettimanale della stagione: gara in programma martedì 26 ottobre alle 18:30, contro la squadra giovane e imbottita di scommesse allenata da Paolo Zanetti. Venezia al momento terzultimo a quota 3 punti (grazie al blitz esterno sul campo dell’Empoli), in attesa del posticipo casalingo di questa sera contro il Torino. Gara dopo la quale gli arancioneroverdi affronteranno il Cagliari (penultimo in classifica) e il Sassuolo, prima di ospitare la Salernitana.

Le prossime quattro sfide – da disputare praticamente in un mese a partire da oggi – saranno quindi fondamentali per le sorti del cavalluccio marino, che poi andrà incontro a due impegni complicatissimi: dopo la gara con il Venezia, la Salernitana ospiterà il Napoli nel derby di domenica 31 ottobre, per poi affrontare la Lazio all’Olimpico sette giorni dopo, in un’altra partita inevitabilmente speciale per mille motivi. Tanto, se non tutto, passerà però dalle gare contro Genoa, Spezia, Empoli e Venezia.

Articolo precedenteIl pragmatismo e la volontà non bastano: tutelare il talento di Bonazzoli, per rendere Ribery ancora più determinante
Articolo successivoCalore e brividi… il mix di una giornata fantastica
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.