Home Editoriale Lucia Anselmi (Dazn):«il Picco sarà un’arma in più per lo Spezia…»

Lucia Anselmi (Dazn):«il Picco sarà un’arma in più per lo Spezia…»

La "voce rosa" della giornalista spezzina ha raccontato ai microfoni di SOLOSALERNO.IT lo scenario che anticiperà l'incontro dell'ottava giornata di serie A tra lo Spezia e la Salernitana.

693
0
Tempo di lettura: 3 minuti
Lucia Anselmi

In vista della gara tra Spezia e Salernitana – valevole come ottava giornata di serie A – la redazione di SOLOSALERNO.IT ha intervistato la giornalista spezzina Lucia Anselmi (Dazn). La sua passione per il calcio – sorta all’età di nove anni – si è tramutata nel lavoro che da sempre sognava di svolgere. Lucia, inoltre, è stata premiata nel 2020 dal “Gruppo Ligure Giornalisti Sportivi” per la qualità del racconto della prima storica promozione in serie A dello Spezia. Ha seguito con emozione l’ascesa degli aquilotti raccontando quotidianamente le vicissitudini della squadra: dal ritiro all’avvio di campionato. Ha seguito, meticolosamente, il percorso di una giovane squadra che, nonostante un avvio tortuoso, è riuscita ad affermarsi con veemenza, partita dopo partita, raggiungendo – dopo 114 anni – lo storico traguardo della massima serie ed un’importantissima salvezza durante la scorsa stagione.

Spezia – Salernitana, quali crede possano essere i punti a favore della squadra di casa volti a mettere in difficoltà i campani?

«Tra i punti a favore metterei al primo posto il Picco. Per lo Spezia giocare in casa davanti al proprio pubblico rappresenta un’arma in più per affrontare la Salernitana reduce dalla prima vittoria stagionale»

Anche gli aquilotti – come i granata – sono stati attanagliati da numerosi infortuni, ci sono stati recuperi importanti tra i bianconeri?

«Il match con la Salernitana potrebbe vedere il ritorno in campo di Martin Erlic punto di riferimento della difesa dello Spezia, e anche del suo capitano, Giulio Maggiore. Oltre agli assenti per infortunio, però, Thiago Motta sarà costretto a rinunciare anche a Simone Bastoni a causa dell’espulsione rimediata contro il Verona»

Con quale modulo e con quali uomini Lo Spezia proverà ad ostacolare la Salernitana?

«Se con Vincenzo Italiano lo Spezia aveva consolidato un 4-3-3 con qualche rotazione garantita da una panchina lunga, con Thiago Motta sono stati diversi i moduli proposti fino a questo momento. Quello più probabile al momento potrebbe essere il 3-4-2-1 con un possibile ritorno tra i pali di Ivan Provedel e Nzola alla guida dell’attacco come prima punta»

L’esperienza in massima serie della compagine ligure – durante la precedente stagione – quanto è stata sorprendente? Quali sono stati gli ingredienti indispensabili che hanno condotto la squadra di Italiano alla salvezza?

«È stata una stagione sorprendente per una neopromossa e debuttante della categoria come lo Spezia. Credo che la capacità di proporre il proprio gioco senza mai rinunciare all’aspetto offensivo indipendentemente dalle diverse avversarie sia stato uno degli aspetti determinanti per riuscire a conquistare la salvezza»

Qual è il clima che si respira all’interno dello spogliatoio spezzino?

«Alcuni giorni fa un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, Daniele Verde, tra i protagonisti della salvezza, ha sottolineato come nel gruppo ci sia tranquillità e armonia ribadendo che contro la Salernitana la squadra è pronta a replicare le presentazioni portare in campo con Milan e Juventus»

In conclusione, cosa si aspetta dalla gara di sabato al Picco?

«Mi aspetto una gara in cui Spezia e Salernitana si affronteranno a viso aperto considerato che entrambe putano a lasciare il campo da gioco a punteggio pieno»

Stadio Alberto Picco
Articolo precedenteSalernitana-Empoli, da lunedì in vendita i biglietti.
Articolo successivoSpezia – Salernitana, i convocati di Castori: out in sette, ci sono Obi e Gondo
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!