Home Editoriale “La moviola di Lazio – Salernitana”.

“La moviola di Lazio – Salernitana”.

Divario tecnico evidente tra Lazio e Salernitana, normale amministrazione per l'arbitro Rapuano.

855
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Partita a senso unico, quella che si è disputata ieri pomeriggio tra Lazio e Salernitana. Risultato netto, schiacciante e – per certi versi – anche mortificante, per gli oltre cinquemila tifosi granata giunti all’Olimpico per sostenere la propria squadra. Esclusi i due legni colpiti nella ripresa da Duric e Ribery, è stato un “monologo” a tinte biancocelesti.

Tenendo conto di quanto scritto in precedenza, risulta davvero difficile analizzare la partita a livello arbitrale. Non ci sono stati particolari episodi da segnalare, l’arbitro Rapuano di Rimini ha diretto in modo positivo una gara che – probabilmente – nemmeno lui si aspettava così semplice da gestire. Il direttore di gara riminese ha adottato un metro di giudizio tendente a favorire il gioco, senza perder mai la partita dalle mani facilitato, anche e soprattutto, dall’elevata differenza tecnica tra le due squadre in campo. Buona anche la gestione disciplinare: sono tutti giusti i provvedimenti di ammonizione comminati per falli di gioco a Cataldi (L), Gyomber (S) e Obi (S).

In foto: Antonio Rapuano di Rimini.

Sufficiente la prestazione dei due assistenti Zingarelli e Muto, inoperosi – in sala Var – Massa e Paganessi.

Articolo precedenteI brividi… e poi la sosta
Articolo successivoAggressione ai danni dei salernitani a Roma: il comunicato della GDV
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]