Home News Mazzarri: “Salernitana squadra pericolosa. Gara da non sottovalutare”

Mazzarri: “Salernitana squadra pericolosa. Gara da non sottovalutare”

Verso Cagliari-Salernitana, le parole in conferenza stampa del tecnico rossoblu Walter Mazzarri. Out Godin, speranze per Pavoletti

338
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Nel corso della conferenza stampa di quest’oggi, l’allenatore del Cagliari, Walter Mazzarri, ha parlato della sfida che attende i suoi domani sera contro la Salernitana alla “Unipol Domus”. Prima di cominciare, lo staff del tecnico toscano ha annunciato che domani non ci sarà Godin, out a causa di un affaticamento muscolare. Con loro assenti anche gli infortunati di lungo corso Rog, Ladinetti e Faragò. Queste le sue dichiarazioni:

«La formazione la vedrete domani, è bene non dare vantaggi. Dalbert oggi prova, e domattina vedremo. Ho provato i doppi ruoli e deciderò. Con il Sassuolo mi è piaciuto che abbiamo tentato di vincerla fino all’ultimo, questo è importante. Le mie squadre hanno sempre dato l’anima, forse domenica lo abbiamo fatto per la prima volta. Dobbiamo essere più attenti in fase difensiva, il poco tempo a disposizione lo abbiamo usato per correggere gli errori: vorrei ancora più concentrazione, per concedere ancora meno agli avversari.»

Sulla possibile titolarità di Grassi: «Non guardo mai la carta d’identità, ma come si allenano e chi è piu in forma. Ho a disposizione giovani e meno giovani. Grassi non giocava, da quando l’ho visto allenandosi bene e avendo una condizione ottimale l’ho mandato in campo. Oggi non si prescinde da una condizione atletica importante, i ritmi sono altissimi, le neopromosse vanno a mille e dobbiamo andare quanto loro anche se siamo superiori tecnicamente.»

Sulle condizioni di PavolettiPavoletti oggi prova, vedremo se ce la fa. Sui punti dico che non faccio tabelle, domani pensiamo soltanto a domani per fare una finale importantissima. Finalmente ho recuperato qualcuno, questo mi aiuta nelle scelte.»

Infine, sulla Salernitana: «Ho visto da quando c’è Colantuono: sembra assurdo, ma contro la Sampdoria se avessero sfruttato tutte le occasioni non avrebbero certamente perso. Colantuono è un allenatore sanguigno, alcuni di loro hanno già detto che sarà la partita della vita. Ma noi dobbiamo andare oltre, se siamo in grado di fare la nostra partita, senza sottovalutare nulla, riusciremo a soffrire poco.»

Articolo precedenteI convocati per Cagliari: emergenza totale, fuori Ribery, Kastanos e Schiavone
Articolo successivoSalernitana, la probabile formazione: Colantuono pensa al 4-4-2, Bonazzoli-Djuric dal 1′
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.