Home News Stantuffo Jaroszynski, Di Tacchio generoso e sfortunato. Kastanos dura un tempo

Stantuffo Jaroszynski, Di Tacchio generoso e sfortunato. Kastanos dura un tempo

1041
0
le pagelle
le pagelle
Tempo di lettura: 3 minuti

FIORILLO 6: si fa trovare pronto sull’incornata innocua di Destro da posizione decentrata, poi ordinaria amministrazione per il resto della gara. Nulla può sul gol siglato da Ekuban.

DELLI CARRI 6: sempre aggressivo, accorcia su Destro nel tentativo di lasciargli poca agibilità e non disdegna di sganciarsi per dar manforte alla manovra dei suoi, come testimonia la penetrazione con tiro che termina a lato di poco. Ancora qualche limite quando rischia anticipi in situazioni di gioco dove sarebbe più utile temporeggiare, come nell’occasione del vantaggio genoano con Ekuban che elude il suo intervento e poi va a finalizzare con il contributo involontario di Di Tacchio.

GAGLIOLO 5,5: si lascia superare ingenuamente dal traversone di Cambiaso, consentendo a Destro di colpire di testa da buona posizione, poi termina i primi quarantacinque minuti senza particolari patemi. La sua gara però procede sempre sul terreno della titubanza, che a volte lo rende impreciso nei disimpegni e inutilmente falloso. Graziato dall’arbitro che non vede un intervento falloso su Ekuban a ridosso dei sedici metri granata.

BOGDAN 5,5: mette il piedone sul tiro insidioso di Portanova e devia il pallone in corner, prima di esibire un tackle provvidenziale che frena la potenziale verticalizzazione di Ekuban. Si avvale della sua stazza per allontanare di testa qualche pallone spiovente nell’area granata. Macchia una buona prestazione non proteggendo bene i suoi sedici metri sulla giocata aerea vincente di Ekuban. 83 GYOMBER S.V.

KECHRIDA 4,5: solite insicurezze, sbaglia appoggi elementari in uscita, soffre nell’uno contro uno al cospetto di Cambiaso, mai incide a destra. Respira nella seconda parte del tempo, ma il suo contributo alla squadra resta irrisorio. Leggermente più vivace nella ripresa, ma nulla di memorabile e solite coperture difensive ballerine.

SCHIAVONE 5: becca subito un’ammonizione ingenua per fallo su Portanova, lasciandosi sedurre dal movimento della palla e perdendo di vista la mezzala rossoblu, che gli sfugge spesso. Prova con qualche cambio di fronte a dare respiro alla manovra e ad appoggiare la fase positiva della squadra nella parte finale della prima frazione di gioco. Parte male nella ripresa smarrendo un sanguinoso pallone che Ekuban non traduce in gol. 65 OBI 5,5: tanta corsa senza costrutto.

DI TACCHIO 6: inizio falloso, timoroso, a tratti caotico, ma la sua generosità non è mai in discussione in termini di impegno ed agonismo. Prova a concretizzare la sua rabbia con un potente tiro dalla distanza, ma la palla termina abbondantemente alta. Bravo a gettarsi a valanga su Ekuban che non ha il tempo di prendere la mira da buona posizione. Subito dopo si propone ancora al tiro e trova la grande parata di Semper. Lotta ed accorcia per fare densità nei pressi dell’area genoana, poi è sfortunato protagonista sulla rete di Ekuban, quando prova a rimediare all’errore di posizione di Bogdan.

KASTANOS 6: dovrebbe fungere da trequartista al servizio delle due punte, inizialmente bada ad essere ordinato tatticamente, poi entra nel vivo del gioco, pulendo qualche pallone in fase di ripartenza, guadagnando punizioni con strappi palla al piede e provando il tiro che trova la pronta risposta di Semper. Cala nella ripresa, nel corso della quale non riesce ad essere incisivo come nella prima parte del match 74 L.COULIBALY 5,5: corre tanto, però giocare in orizzontale non aiuta la squadra a recuperare lo svantaggio.

JAROSZYNSKI 7: Sabelli non è un cliente facile, lui regge il confronto dignitosamente in fase difensiva e prova a sprazzi a farsi vedere anche sovrapponendosi sulla corsia mancina. Nella seconda parte del tempo diventa quasi incontenibile, arrivando spesso sul fondo e confezionando cross succulenti per Djuric e Kastanos. Tignoso e propulsivo anche nella ripresa, quando riesce ad essere ancora uno dei più incisivi e determinati della squadra.

VERGANI 5: inizio volitivo, detta il passaggio tra le linee e allargandosi a destra, poi esce gradualmente dal match e s’innervosisce nel finale del primo tempo. Privi di acuti anche i venti minuti della ripresa. 65 SIMY 4,5: non la vede e prende mai.

DJURIC 5,5: trentacinque minuti di infruttuose battaglie aeree, poi sulla testa gli capitano due ghiotti palloni, ma le sue conclusioni sono centrali, poco potenti e facilitano il compito di Semper. Sempre utile nel lavoro di sponda, ma continua a latitare sul piano del cinismo realizzativo e della tecnica nel fraseggio da porre al servizio della squadra. 83 GONDO S.V.

ALL.COLANTUONO 6: schiera seconde e terze linee, la squadra soffre in partenza, poi si scioglie e meriterebbe anche il vantaggio al termine dei primi 45 minuti di gioco. I suoi uomini fanno la partita anche nel secondo tempo, sfiorano il gol, prima di capitolare sulla solita ingenuità difensiva.