Home News Domani la ripresa: un recupero e una perdita per il derby, aspettando...

Domani la ripresa: un recupero e una perdita per il derby, aspettando infermeria e mercato

A Napoli ci sarà Gyomber, ma mancherà Ranieri

1664
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Secondo giorno di riposo per la Salernitana di Colantuono, che tornerà in campo domani pomeriggio alle 15:00 al centro sportivo Mary Rosy. I granata, reduci dallo 0-3 di sabato contro la Lazio, cominceranno il loro avvicinamento al derby di domenica pomeriggio, in programma al Maradona contro il Napoli di Spalletti.

Contro i partenopei Colantuono ritroverà Gyomber, che ha scontato due giorni fa la squalifica e tornerà con ogni probabilità titolare nel pacchetto difensivo. Dall’altra parte, però, il tecnico laziale perderà Ranieri, fermato per un turno dal Giudice Sportivo: il mancino di proprietà della Fiorentina, già diffidato, ha infatti rimediato un’ammonizione fatale nella ripresa del match contro la Lazio, e salterà la gara di Napoli.

Le principali attenzioni, però, sono certamente concentrate su un’infermeria ancora affollatissima, tra infortunati e contagiati dal Covid. Il bilancio delle positività segna quota sette (tre delle quali riscontrate a poche ore dal match con la Lazio), ma i calciatori indisponibili sono in totale dodici: Ribery, Simy, Djuric, Kastanos, Capezzi, Zortea, Gagliolo, Jaroszynski, Bogdan e Fiorillo i recuperabili, ai quali si aggiungono Strandberg e Mamadou Coulibaly, che con ogni probabilità non saranno arruolabili per il derby.

La conta degli assenti si allunga ulteriormente contando Lassana Coulibaly, ancora impegnato con il Mali in Coppa d’Africa. Ecco perché, a fronte di quattordici defezioni complessive (questo il numero a sei giorni dal match), sarebbe fondamentale recuperare il maggior numero possibile di elementi.

L’altro punto focale non può che essere il mercato, con il nuovo ds Sabatini che oggi verrà presentato dal presidente Iervolino in conferenza stampa. Servirà lavorare sin da subito, per provare a rinfoltire la truppa di Colantuono già prima della trasferta più breve della stagione. Altrimenti, il rischio grosso è quello di assistere ad un’altra gara dall’esito già scritto, come quella consumatasi sabato pomeriggio all’Arechi.

Articolo precedenteProblemi per Fazio, accelerata per Sepe. Occhi sugli esuberi del Toro
Articolo successivoWalter Sabatini: «Non voglio retrocedere».
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.