Home News Juric: «Con la Salernitana servono i tre punti per non fare calcoli»

Juric: «Con la Salernitana servono i tre punti per non fare calcoli»

Verso Salernitana-Torino, le parole nel corso della conferenza stampa pre-match del tecnico dei piemontesi Ivan Juric

775
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Intervenuto nel corso della conferenza stampa pre-match, l’allenatore del Torino, Ivan Juric, ha presentato la sfida di domani sera contro la Salernitana all’Arechi. Queste le parole del tecnico croato sul momento attraversato dai suoi:

«Abbiamo fatto un lavoro eccezionale fino alla sosta precedente, adesso però occorrono punti. Salviamoci, nella vita non si sa mai. Diamo un significato alla stagione. Se si sbaglia rimarrà un sapore negativo. Ci mancano 9 partite, ci servono grandi motivazioni per dare senso positivo al campionato. Nell’ultimo periodo ci sono state problematiche ed errori, ma a spostare l’equilibrio sono stati altri fattori. Il calo dei giocatori è stato minimo, noi abbiamo pagato soprattutto i 6 pali colpiti, i 4 errori arbitrali e i 3 gol subiti negli ultimi minuti. Il calcio a volte è veramente strano, perché le partite sono state quasi sempre eccellenti. Ho visto davvero poco di negativo. La sosta, comunque, ci ha aiutato a riflettere un po’»

Sul ballottaggio Milinkovic Savic-Berisha: «La mia intenzione è continuare con BerishaNoi all’inizio dell’anno abbiamo fatto una scelta su Milinkovic che, dopo aver fatto a lungo benissimo, ha avuto piccolo calo. Berisha ha fatto bene con Bologna e Inter, poi è scappato quell’errore o forse no, ma la verità è che stiamo prendendo dei gol senza subire tiri in porta.»

Su Belotti: «Tutti sapete dell’apprezzamento che ho sempre manifestato per Belotti e la stima che ho per la sua professionalità. In casa gioca un certo tipo di partite, mentre fuori casa è inesistente. Adesso da lui mi aspetto che anche in trasferta giochi come ha fatto contro l’Inter.»

Infine, sulla Salernitana: «Sarà senz’altro una partita tosta e difficile. La Salernitana ha cambiato completamente volto a gennaio, e in più ha ingaggiato un allenatore estremamente competente che stimo moltissimo. In casa loro Bologna, Milan e Sassuolo sofferto la grande aggressività. Bisogna stare attenti e sfoderare una delle migliori prestazioni per portare a casa il risultato.»

Articolo precedenteNicola, Verdi, Bonazzoli, Obi: quattro ex Toro in casa Salernitana
Articolo successivoProgetto “Adotta una scuola”, Veseli e Mamadou alla Rodari
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.