Home Editoriale Luigi Sepe: «La salvezza non è un miraggio»

Luigi Sepe: «La salvezza non è un miraggio»

L'estremo difensore della Salernitana confida nella partita di questa sera per continuare a credere nella salvezza.

491
0
Tempo di lettura: < 1 minuto
Luigi Sepe

Dopo la sosta torna il campionato di massima serie. Prima del delicatissimo incontro tra Salernitana e Torino, i microfoni di Dazn hanno intervistato Luigi Sepe. L’estremo difensore granata – giunto durante il mercato di riparazione di Gennaio a Salerno – ha esternato la propria determinazione prima del fischio d’inizio.

«Sappiamo che il Torino è una squadra forte, molto fisica, hanno nell’organico un attaccante della nazionale, ciononostante faremo il massimo per ottenere ciò che vogliamo. Oggi, come non mai, occorre incassare l’intera posta in palio».

Quanto credi nella salvezza?

«Ci credo, fortemente, al di là della posizione in classifica. Intanto, sarà fondamentale fare 3 punti stasera».

Articolo precedenteSalernitana-Torino, probabili formazioni: Nicola cambia, Singo e Brekalo stringono i denti
Articolo successivoSalernitana, piove sul bagnato. Il Torino si impone 1-0
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!