Home Breaking news Sabatini: «Chiederò scusa a Fazio. Il mio non è un istant flop»

Sabatini: «Chiederò scusa a Fazio. Il mio non è un istant flop»

Lo sfogo, attraverso il proprio account Instagram, del direttore Walter Sabatini per le critiche feroci ricevute da Federico Fazio

1489
0
Tempo di lettura: 2 minuti

«La prima cosa che farò rientrando a Salerno dopo uno stop di due giorni a Roma, sarà chiedere scusa a Federico Fazio, per non aver spiegato bene a quei signori che oggi lo bastonano con giudizi e voti al limite del dileggio, cosa ha fatto e a che cosa ha rinunciato per venire a Salerno. Gli errori, quando ci sono, li vedo anch’io, ma ci sono modi meno oltraggiosi per raccontarli, magari dicendo che prima di farlo il fallo presunto su Belotti lo ha subito lui stesso, e che è sempre stato in campo senza accampare dubbi o scuse fin dal primo giorno.
La prima cosa che farò sarà guardare l’allenamento e salutare il mister e i ragazzi che per me non saranno mai l’istant flop, come qualche cialtrone, di cui non conosco l’identità, li ha definiti, bollando loro e me senza esitazione con un epitaffio che mi pare renda inutile dire che questi ragazzi hanno giocato alla pari con tutti, e spesso molto meglio.»

Parole e musica del direttore Walter Sabatini che, attraverso l’account Instagram gestito dal figlio Santiago, ha voluto porre l’accento sulle critiche feroci ricevute da Federico Fazio. Critiche, se vogliamo, anche legittime, ma che spesso e volentieri sono sfociate in veri e propri attacchi frontali non solo all’indirizzo dell’ex difensore della Roma, ma anche allo stesso Sabatini, reo, a detta di qualcuno, di aver allestito un “istant flop” in sede di mercato di riparazione.

Ciò che stona non è lo spirito critico degli autori di tale “epitaffio”, finalmente ritrovato dopo anni di latitanza, bensì i modi e soprattutto le tempistiche. Con nove gare ancora da giocare, di fatto, la Salernitana è ancora matematicamente in corsa per l’obiettivo salvezza. Un obiettivo che, ove mai dovesse essere raggiunto, rappresenterebbe un vero e proprio miracolo sotto tutti i punti di vista perché, al netto di alcuni errori di valutazione ammessi dallo stesso Sabatini, lo scempio tecnico lasciato in eredità dagli ex dirigenti era cosa piuttosto difficile, se non impossibile, da sistemare. Nessuno, compresi Fazio e Sabatini, è esente da critiche. Purché siano costruttive e in alcun modo strumentali.

Articolo precedenteGiornata Internazionale dello Sport per lo sviluppo e per la pace
Articolo successivoSeduta al Mary Rosy, Nicola studia le alternative: Bohinen in pole, Dragusin cerca una chance
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.