Home Breaking news De Sanctis: «Arriveranno altri quattro elementi, saremo più forti dello scorso anno»

De Sanctis: «Arriveranno altri quattro elementi, saremo più forti dello scorso anno»

Il diesse in conferenza: "Vogliamo trattenere Mazzocchi"

750
0
Tempo di lettura: 3 minuti

“Saremo più forti del passato”, ne è sicuro Morgan De Sanctis. Una lunga conferenza stampa nella quale il diesse dell’ippocampo si è espresso sugli argomenti più “caldi” che stanno monopolizzando il mondo del cavalluccio marino.

“Vogliamo diventare un modello”

“Penso- ha detto De Sanctis- che fino ad adesso sia stato fatto un buon lavoro. Partivamo da una situazione dove su larga scala andava migliorata la squadra, non possono essere trascurati gli otto acquisti fatti di cui sette a titolo definitivo. Sono stati investiti più di 20 milioni di euro e sono arrivati giovani di prospettiva ma affidabili anche nel presente, questo lavoro vale tantissimo che deve essere ancora completato. Il ritardo non mi preoccupa, la Salernitana ha l’obiettivo di consolidarsi in massima serie. Vogliamo diventare un modello da seguire, il progetto è iniziato. Non si può barattare la fugace ed immediata felicità con l’essere giudicati per ciò che arriverà a fine stagione. Abbiamo puntato profili medio-alti che a volte hanno bisogno di tempo per decidere, io aspetto. Ci saremo e saremo forti più dello scorso anno. È normale aver commesso qualche errore ma è stato fatto in buona fede. Io non posso e non devo contaminare la voglia e la forza del presidente di fare un certo investimento. Non si dovevano annunciare arrivi imminenti, giungeranno calciatori forti ai prezzi giusti. Ho parlato tanto con la società, cerco di essere collaborativo con tutti ma non mi aspettavo questa difficoltà nel ritrovare sui giornali obiettivi che perseguiamo. A volte non ho avuto il tempo di discuterne anche con l’allenatore. Quando vengono fuori dei nomi, si alzano i prezzi ed emergono competitor”

“Arriveranno almeno altri quattro elementi”

“Difensore, centrocampista ed attaccante arriveranno- spiega il diesse- poi altri movimenti saranno legati al mercato in uscita, forse arriverà anche un secondo centrocampista indipendentemente da chi uscirà. I calciatori che mancano sono elementi che sapevamo sin dall’inizio di dover prendere, c’è necessità di aspettare. In alcuni casi chi ci ha detto di no potrebbe dirci di sì. La trattativa Maupay non si è chiusa ma successivamente per volere del club inglese si è riaperta, noi però avevamo chiuso Bonazzoli. L’idea di prendere almeno dodici o tredici giocatori già c’era e si è confermata, chi manca dovrà migliorare la rosa. Degli otto acquisti, tre sono del mercato interno ed otto dall’estero. Mazzocchi ha firmato un contratto sei mesi fa che scade nel 2025, la Salernitana gli ha offerto anche l’adeguamento contrattuale perché vogliamo trattenerlo. Pasquale domani non ci sarà perchè ha avuto un risentimento muscolare. Sambia è un calciatore che nei primi giorni di luglio ha sofferto un virus gastrointestinale che lo ha debilitato e ritardato la performance fisica. Chi deve uscire lo sappiamo, con gli infortuni alcuni che non rientravano nel progetto tecnico domani giocheranno e non escludo che per dedizione qualcuno potrebbe restare. Nei prossimi giorni dovrebbe cambiare la regolamentazione degli extracomunitari, la casella verrà liberata indipendentemente dalla formula della trattativa. La gente si aspetta che facciamo risultato e tiriamo fuori l’anima, la mia vita sportiva è cambiata quando ho giocato in posti “difficili” dove si sente pressione e questa bellezza voglio trasferire a tutti gli atleti. I troppi infortuni muscolari sono motivo di riflessione. La base sarà il 3-5-2, il giocatore che arriverà dovrà dare offensività al centrocampo”.

“Abbiamo bisogno dei tifosi che in un momento dove il club potrebbe essere meno competitivo, può sentirsi parte di un progetto che sta nascendo e darci manforte. La mancanza di competitività è condizionata anche dall’assenza di nove calciatori che non sono in uscita ma faranno parte del progetto, incide anche il fatto che dovranno arrivare altri elementi. Chi c’è adesso merita l’appoggio dell’ambiente, faremo bene la quarta stagione in Serie A della Salernitana. Iniziare bene è fondamentale, dopo la Roma affronteremo alcune delle dirette avversarie, questo lo so bene. Abbiamo il sacrosanto diritto di costruire la rosa più forte possibile, il presidente vuole investire. Ci vogliono calciatori forti sia in campo che in panchina, quando finirà il mercato ci saranno zero alibi in primis per me. Il mister non si deve preoccupare di una cosa, il direttore sportivo ha piena consapevolezza di ciò che potrebbe succedere nelle prime giornate sia nel male ma anche nel bene. L’allenatore è consapevole di ciò che faremo ed abbiamo fatto, dall’ansia non mi faccio prendere. Con Nicola ci parlo tutti i giorni e siamo allineati.

Articolo precedenteO.N.M.S. | Salernitana-Roma: tagliandi settore ospiti
Articolo successivoNicola: «C’è grande voglia». La gara col Parma, ecco i convocati.
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.