Home Editoriale Davide Nicola: «Bradaric è una nuova risorsa per la squadra»

Davide Nicola: «Bradaric è una nuova risorsa per la squadra»

L'allenatore della Salernitana è stato intervistato dai microfoni di Dazn prima del fischio d'inizio tra Lazio e Salernitana. Nicola, con convinzione, ha affermato: «Faremo del nostro meglio per fronteggiare una delle squadre più in forma del campionato»

587
0
Tempo di lettura: < 1 minuto
Davide Nicola

Prima del kick off valevole per la 12/esima gara di serie A tra Lazio e Salernitana, Davide Nicola è stato intervistato dai microfoni di Dazn per una breve dichiarazione.

Quanto è carico per questa partita?

«Siamo sempre carichi. Ci prepariamo tutta la settimana per fare del nostro meglio. Oggi incontriamo una squadra che arriva da diversi risultati positivi, hanno subito davvero molto poco. La Lazio è una squadra compatta, gioca bene. Ci toccherà fare una partita importantissima, sotto tutti i punti di vista».

Bradaric partirà titolare, Dia, invece, dalla panchina. In settimana ci sono stati recuperi importanti…

«Credo che Bradaric abbia meritato l’occasione di poter partire dall’inizio, ha smaltito alcuni problemini che ci sono stati in settimana. Per noi può costituire una nuova risorsa. Deve fare quello che sa fare, credo che possa fare bene. Dia si è allenato un giorno questa settimana, per noi è importante non perdere nessuno. Intanto, è abile e arruolabile, quindi, contiamo su di lui in qualsiasi momento».

Come sarà la trasferta senza tifosi?

«A noi dispiace molto, perchè siamo abituati ad averli in massa. Si sono superati ancora una volta, ci hanno fatto una sorpresa: venerdì, all’interno del nostro stadio hanno partecipato all’allenamento della squadra. Stasera cercheremo di immaginarli. Sappiamo che sono sempre al nostro fiaco».

Articolo precedenteCapilongo Broussard: «Lazio, stanchezza unica insidia. Salernitana, buon campionato finora»
Articolo successivoLotito, ti piacciono questi tre palloni? Lazio-Salernitana 1-3
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!