Home Editoriale La moviola di Lazio Salernitana

La moviola di Lazio Salernitana

Pomeriggio "horror" all'Olimpico: la Lazio sottovaluta la Salernitana e Manganiello fa infuriare il tecnico Sarri ed i tifosi di fede biancoceleste.

854
0
Varie ed eventuali 2021
Varie ed eventuali 2021
Tempo di lettura: < 1 minuto

Dodicesima giornata d’andata del campionato di massima serie che ha visto affrontarsi Lazio e Salernitana: nella sfida dell’Olimpico, l’hanno spuntata gli ospiti con un’inaspettata rimonta che ha mandato in visibilio l’intero popolo di fede granata.

A dirigere l’incontro è stato il signor Manganiello di Pinerolo coadiuvato dagli assistenti Alassio e Bottegoni; quarto ufficiale Mariani, al Var Di Bello e Longo.

In foto: Manganiello di Pinerolo

Tutto sommato è stata una partita povera di episodi moviolistici, soprattutto nella prima frazione di gioco dove Manganiello è apparso in buona forma ed in pieno controllo della gara. L’unico vero e proprio errore da penna rossa da imputare al direttore di gara piemontese, è stata l’ammonizione al centrocampista locale Milinkovic Savic , al 72’. Ammonizione pesante dato che il calciatore era in diffida e dovrà saltare il derby di domenica prossima contro la Roma.

Da segnalare, purtroppo, gli ululati a sfondo razziale nei confronti di Lassana Coulibaly (S) al 82’ , mentre lo stesso abbandonava il terreno di gioco in quanto sostituito.

In conclusione, se non fosse stato per l’errore di valutazione sul contatto tra Milinkovic e Bronn la prestazione di Manganiello sarebbe stata quanto meno sufficiente. Senza sbavature la prova dei due assistenti, inoperosi in sala Var Di Bello e Longo.  

Articolo precedenteLa vittima predestinata granata non si lascia immolare. Salernitana, l’impresa eccezionale è essere normale
Articolo successivoSalernitana, ora la Cremonese: mancherà Gyomber, da valutare Maggiore
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]