Home News Ivan Radovanovic: «L’ultimo giorno di mercato mi è stato detto o vai...

Ivan Radovanovic: «L’ultimo giorno di mercato mi è stato detto o vai a Cagliari o sei fuori»

L'ex centrocampista della Salernitana ripercorre la sua avventura in Campania e racconta con delusione l'estromissione dalla rosa e l'inevitabile addio

1105
0
Tempo di lettura: 2 minuti
RadovanovicIvan05
Radovanovic Ivan

In un’intervista esclusiva rilasciata alla Gazzetta Dello Sport, Ivan Radovanovic ha parlato della sua esperienza a Salerno e alla Salernitana. L’ex centrocampista granata, entrato nel cuore della tifoseria dopo la salvezza dello scorso anno, ha raccontato di come dolorosamente si sia conclusa la sua avventura in Campania e quali saranno i preziosi ricordi che custodirà nel tempo.

Il serbo non ha mai celato il suo affetto per la città e per i supporter dell’Ippocampo. Ha vissuto la scorsa stagione intensamente, definendola un’esperienza formativa che gli ha permesso di continuare a crescere sia come calciatore che come persona.

L’ex centrocampista, inoltre, ha tenuto a ringraziare le varie persone con le quali ha condiviso il percorso a Salerno, menzionando allenatori, compagni di squadra e staff per il supporto che gli hanno fornito durante la propria avventura.

L’intervista

«L’ultimo giorno di mercato mi è stato detto o vai a Cagliari o sei fuori. Ho due bambine, la più grande era iscritta in prima elementare. A Salerno stavamo in paradiso. In poche ore avrei dovuto prendere e trasferirmi a Cagliari con pochi mesi di contratto. Il Cagliari è stato correttissimo. Ma era difficile prendere una decisione del genere in quegli attimi. Alla fine ho deciso di fare la risoluzione lasciando anche dei soldi al club. Ma la delusione è grande, perché, in questo modo, avendola fatta dopo il 31 gennaio, non posso più andare in nessun altro club in Italia».

I ringraziamenti

«Ringrazio innanzitutto il presidente Iervolino con il quale ho avuto modo di parlare. Naturalmente, un pensiero speciale va al direttore Sabatini, che mi ha dato l’opportunità di giocare a Salerno dopo la parentesi col Genoa. Mi disse: “tu sei un leone in gabbia, devi uscire e ritrovare la giusta grinta”. In conclusione, ringrazio Nicola e il suo staff, i medici, i fisioterapisti, i giardinieri, tutti quelli che lavorano dietro le quinte, i giornalisti e la gente di Salerno. Entrare in campo all’Arechi è un’emozione unica. Ti vengono i brividi. Non potrò mai dimenticare Salerno e il modo in cui la città ha accolto me e la mia famiglia».

Articolo precedenteDomani allenamento all’Arechi. La Salernitana vuole abbracciare i suoi tifosi.
Articolo successivoHellas Verona – Salernitana: la sfida salvezza
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!