Home News Verona-Salernitana, probabili formazioni: Zaffaroni non cambia, chance per Lovato e Bonazzoli

Verona-Salernitana, probabili formazioni: Zaffaroni non cambia, chance per Lovato e Bonazzoli

Padroni di casa in campo con il 3-4-2-1. Assetto camaleontico per Nicola, diviso tra 4-3-3 e ritorno al 3-5-2

583
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Il lunedì della ventiduesima di Serie A mette di fronte Hellas Verona e Salernitana in un pesantissimo scontro salvezza. I granata, sedicesimi in classifica con 21 punti, arrivano al Bentegodi a +7 sui gialloblù, diciottesimi a quota 14. Fare bottino pieno darebbe all’Ippocampo la doppia cifra di vantaggio sulla zona retrocessione, mentre i tre punti consentirebbero agli scaligeri di riaprire più che mai il discorso salvezza.

L’Hellas arriva dall’1-1 con la Lazio, secondo di fila dopo quello di Udine. Con Zaffaroni al timone, gli scaligeri hanno ottenuto 9 punti in 6 gare, perdendo solo a San Siro con l’Inter. Se i gialloblù hanno iniziato il 2023 con una media quasi da Europa, la Salernitana di Nicola attraversa un momento complicato: solo 4 i punti raccolti nelle 6 partite dopo la sosta mondiale. Punti che diventano 7 nelle ultime 9 gare, 6 delle quali perse. Ultima di queste è lo 0-3 con la Juventus.

In casa scaligera Zaffaroni dovrà rinunciare a Djuric, ex di turno, e ai lungodegenti VelosoHrustic e Henry. Gialloblù in campo con il 3-4-2-1, nel quale non è attesa alcuna novità rispetto al pari di una settimana fa con la Lazio. Davanti a Montipò difesa guidata da Hien. Ai lati dello svedese agiranno Coppola e Magnani, favoriti su Ceccherini e sul recuperato Dawidowicz.

In mediana la coppia Duda – Tameze. A sinistra Doig, mentre a destra Depaoli manterrà la titolarità a discapito di Faraoni, tornato tra i convocati. Sulla trequarti Lazovic e Ngonge, reduce dal primo gol in Italia che è valso all’Hellas l’1-1 contro i biancocelesti. In avanti è corsa a due ma toccherà ancora a Lasagna, con l’ex Benevento Gaich dalla panchina.

Su sponda ospite, Nicola opterà per qualche novità rispetto al tris subìto martedì dalla Juve. Granata in campo – almeno sulla carta – nuovamente con un 4-3-3. Davanti ad Ochoa chance per Lovato – ex di turno – al fianco di Troost-Ekong. L’impiego del 66 farà slittare a destra Bronn, favorito su Sambia. A sinistra Bradaric. In mediana tornerà titolare Bohinen, che spingerà in panchina un Nicolussi Caviglia appannato contro la Juventus.

Al fianco del norvegese Coulibaly e Vilhena, favoriti su Crnigoj. Ala destra sarà Candreva, la cui posizione – insieme a quella di Bradaric – decreterà di fatto l’assetto tattico dei granata: dal 4-3-3, infatti, la squadra di Nicola potrebbe agevolmente passare al 3-5-2, con l’ex Lazio e il croato a tutta fascia. La certezza offensiva è Dia, mentre il nueve toccherà a Bonazzoli: l’ex Samp riavrà una chance da titolare, relegando in panchina Piatek. Recuperati Gyomber e Fiorillo, out MazzocchiMaggiore e Fazio.

Queste le probabili formazioni:

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Montipò; Coppola, Hien, Magnani; Depaoli, Tameze, Duda, Doig; Ngonge, Lazovic; Lasagna. A disposizione: Perilli, Berardi, Zeefuik, Faraoni, Ceccherini, Dawidowicz, Cabal, Terracciano, Abildgaard, Joselito, Verdi, Caia, Braaf, Kallon, Gaich. Allenatore: Zaffaroni.

SALERNITANA (4-3-3): Ochoa; Bronn, Lovato, Troost-Ekong, Bradaric; Coulibaly, Bohinen, Vilhena; Candreva, Bonazzoli, Dia. A disposizione: Sepe, Fiorillo, Daniliuc, Sambia, Gyomber, Pirola, Kastanos, Crnigoj, Iervolino, Nicolussi Caviglia, Botheim, Valencia, Piatek. Allenatore: Nicola.

ARBITRO: Paolo Valeri di Roma 2. Assistenti: Vivenzi – De Meo. IV uomo: Abisso. VAR: Abbattista. Assistente VAR: Mariani.

Fischio d’inizio ore 18:30. Diretta DAZN.