Home Editoriale Il designato speciale

Il designato speciale

La scheda di Luca Pairetto di Torino, arbitro della sfida di domani pomeriggio tra Salernitana e Bologna

466
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Luca Pairetto di Torino, classe 1984, sarà l’arbitro della prossima sfida tra Salernitana e Bologna. Nonostante non sia un match da prima fascia, Rocchi non si fida e manda a Salerno il fischietto piemontese, internazionale da poco più di un anno.

Pairetto – nella vita privata imprenditore – appartiene alla Can dal 2012 mentre dal gennaio 2022 è nell’organico degli arbitri Uefa e Fifa. Attualmente ha collezionato tredici presenze divise tra massima serie (otto) e cadetteria (cinque). Sabato dirigerà i granata per la prima volta in questa stagione, mentre sarà al terzo appuntamento con il Bologna. Il torinese è un vero e proprio talismano per i rossoblù che con lui hanno portato a casa l’intera posta in palio nei precedenti match di Monza e Firenze.

A differenza degli avversari, la Salernitana e i suoi sostenitori non hanno un buon ricordo di Pairetto: infatti, l’unico precedente in massima serie che lo lega ai granata riguarda la sfida del 23 gennaio 2022 al “Maradona” di Napoli. Una direzione di gara che destò non poche polemiche soprattutto per la concessione di due calci di rigore a favore del Napoli. Lo stesso Walter Sabatini, a quei tempi ds granata, non le mandò a dire in conferenza stampa esprimendo tutto il suo dissenso: << Ma hanno rimesso in piazzetta la regola di un rigore ogni tre corner?! >>

Luca Pairetto – Napoli Salernitana 4-1

Sempre nello scorso campionato, Pairetto concluse la sua stagione anticipatamente per un gravissimo errore commesso in occasione di Spezia Lazio: con la collaborazione del Var Nasca, convalidò la rete decisiva a favore della Lazio viziata dal fuorigioco di Acerbi. L’arbitro fece riprendere frettolosamente il gioco, senza avere la giusta accortezza durante il silent check con il Var.

Insomma, è un arbitro dal carattere a dir poco ‘particolare’, non simpaticissimo agli occhi di calciatori, tifosi e mass media. La sua pecca principale è la mancanza di costanza nel rendimento, che gli impedisce di essere designato con continuità in gare di cartello. Riuscirà Pairetto a trovare la retta via, una volta per tutte?

In bocca al lupo, Luca!

Articolo precedenteTango: quando il calcio diventa cultura a Salerno
Articolo successivoMinghinelli: «Bologna consapevole dei propri mezzi, Salernitana costruita per insidiare la zona sinistra della classifica»
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]