Home Editoriale La moviola di Spezia Salernitana

La moviola di Spezia Salernitana

Al Picco di La Spezia, termina in pareggio: Orsato dirige con la solita autorevolezza, seppur con qualche errore che non ha influito minimamente sul risultato finale

541
0
IMG 20210814 WA0027
IMG 20210814 WA0027
Tempo di lettura: < 1 minuto

La ventottesima giornata del campionato di massima serie ha messo di fronte Spezia e Salernitana: un match molto combattuto terminato con un pareggio, tutto sommato, giusto

Direzione di gara affidata a: Daniele Orsato di Schio coadiuvato dagli assistenti Carbone e Tegoni; quarto ufficiale Zufferli, al Var Di Martino e Di Bello

BB77A466 F282 4FBE B31F 4876AD69EB63
BB77A466 F282 4FBE B31F 4876AD69EB63

Passiamo alla moviola

Al 40′ Bourabia (Sp) interviene in ritardo su Lassana (S): Orsato, molto vicino all’azione, si limita ad assegnare un calcio di punizione diretto a favore degli ospiti. Sarebbe stato giusto ammonire il calciatore locale per imprudenza

Al 88′ Bastoni (Sp) interviene in maniera molto scomposta su Bonazzoli (S): anche in questo caso, Orsato assegna un calcio di punizione a favore della Salernitana, senza estrarre alcun cartellino. Sarebbe stato giusto ammonire il calciatore locale per imprudenza. Errore, anche abbastanza evidente

In conclusione, Orsato ha diretto tutto sommato bene, seppur con qualche imprecisione dal punto di vista disciplinare: non ha estratto alcun cartellino per fallo di gioco, bensì uno solo ai danni di Lassana (S) al 76′, per proteste. Una forzatura, senz’altro. Resta, comunque, un arbitro capace di dirigere match ‘delicati’ con una naturalezza spaventosa

Buona la prestazione dei due collaboratori Carboni e Tegoni; inoperosi in sala Var Di Martino e Di Bello

Articolo precedenteLa classifica sorride, ma il secondo tempo di La Spezia è stato un tormento
Articolo successivoMarco Bellinazzo a Salerno il 4 aprile per Tango
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]