Home Editoriale Marco Bellinazzo a Salerno il 4 aprile per Tango

Marco Bellinazzo a Salerno il 4 aprile per Tango

Economia e calcio al centro del nuovo incontro di “Tango” con Marco Bellinazzo Appuntamento il 4 aprile al complesso San Michele. Rinviato l’evento con la Salernitana

983
0
Programa Tango dal 22 marzo al 6 aprile
Programa Tango dal 22 marzo al 6 aprile
Tempo di lettura: 2 minuti

Quarto evento di “Tango, storie di calcio e passione” con Marco Bellinazzo e il suo libro “Le nuove guerre del calcio”. Nell’incontro, moderato dal giornalista Michele Spiezia, si parlerà dei temi economici che influenzano il movimento calcistico. Appuntamento domani, lunedì 4 aprilealle ore 18:30 al Complesso San Michele in via Bastioni a Salerno. Dalle 17:30 sarà visitabile la mostra storica, curata dall’Associazione 19 Giugno 1919, dal tema: “Maglie. Nuova era”.

Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 ore, si occupa di aspetti economici e finanziari del calcio. Opinionista per le principali emittenti radiofoniche e televisive nazionali. I suoi ultimi libri sono Come la finanza globale ha trasformato il calcio (2015), I veri padroni del calcio (2017), La fine del calcio italiano (2018). Per Feltrinelli ha pubblicato Le nuove guerre del calcio (2022).

MARCO BELINAZZO COPERTINA


Il calcio è al centro di enormi movimenti tellurici che da qui al 2030 potrebbero cambiarne drasticamente la fisionomia. Negli anni, l’industria calcistica ha distribuito dividendi di carattere finanziario, politico e di immagine fuori dal comune. È diventata il terreno di scontro tra fondi di investimento, broadcaster e giganti del Web pronti a spendere grandi somme per conquistarne il controllo e accaparrarsi asset nevralgici, come i diritti media. Una dozzina di club sono diventati multinazionali, blindando fatturati e predominio tecnico, mentre le altre società hanno cominciato a perdere terreno. Il calcio contemporaneo è diventato una sorta di Rift Valley e i terremoti che lo stanno scuotendo sembrano spingerlo verso un modello orientato allo show business, appannaggio privilegiato dei club più facoltosi. Oggi lo sport e il calcio in particolare fanno parte del terremoto geopolitico che cambierà definitivamente le relazioni di potere dentro e fuori l’Europa. È uno spazio di dialogo diplomatico, ma è anche uno specchio dei rapporti di forza tra i Paesi. E infatti presenta una pericolosa deriva oligarchica. Il conflitto tra chi ambisce a edificare un calcio sempre più elitario e mediatico e chi, nel solco di ciò che è stato il calcio dei Maradona e dei Paolo Rossi, auspica il ritorno a uno sport più vicino ai tifosi, con meno star e mega-ingaggi, è in atto su più fronti e sarà sempre più aspro nei prossimi anni. Chi prevarrà in questo scontro fra potentati sportivi, politici e criptofinanziari? Quale volto avrà il calcio fra dieci anni? Sarà quello virtuale della PlayStation, quello ovattato degli stadi-teatro o quello delle curve gremite e festanti?

È stato rinviato a data da destinarsi l’evento speciale di Tango su “I giovani e lo sport”, organizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano, previsto per giovedì 6 aprile. Una delegazione della U.S. Salernitana 1919 avrebbe dovuto incontrare i giovani atleti delle scuole calcio ma l’anticipo a venerdì 7 aprile della partita di serie A Salernitana-Inter per gli impegni in Champions League del club nerazzurro non consente di tenere l’evento il giorno prima di una gara di campionato. Appena possibile sarà comunicata la nuova data nella quale si svolgerà l’incontro.

Articolo precedenteLa moviola di Spezia Salernitana
Articolo successivoTop 11, giornata 28: Milan sugli scudi
Nato nel 1964, professione ortopedico. Curioso ma pigro. Ama svisceratamente Salerno e la Salernitana. Come sempre accade quando un amore è passionale, è sempre piuttosto critico nei confronti di entrambe.