Home Editoriale La moviola di Salernitana Torino

La moviola di Salernitana Torino

All'Arechi di Salerno, il Torino passeggia: prestazione insufficiente di Giua, con una decisione a metà primo tempo che ha destato non poche polemiche.

653
0
A cura di Luca D'Urso
A cura di Luca D'Urso
Tempo di lettura: 2 minuti

La quarta giornata del campionato di serie A ha messo di fronte Salernitana e Torino: nel posticipo del lunedì, gli ospiti hanno portato i tre punti a casa, senza particolari difficoltà. Nonostante lo 0 a 3 finale, però, non sono mancate le polemiche arbitrali.

Squadra arbitrale: Antonio Giua di Olbia coadiuvato dagli assistenti Cecconi e Cipriani; quarto ufficiale Volpi, al Var Paterna e Mariani.

In foto: Antonio Giua

Passiamo alla moviola

Al 23’ Cabral (S) ruba il pallone a Bellanova (T), bruciandolo sulla corsa: una volta giunti in area di rigore, i due vanno a contrasto e cadono entrambi a terra. Giua, molto vicino all’azione, assegna un calcio di punizione a favore del Torino. Per l’arbitro sardo, è fallo in attacco, una decisione apparsa fin da subito molto “discutibile”.

In foto: il contatto tra Bellanova e Cabral

Seppur i due calciatori sono entrambi in caduta, Bellanova colpisce per ben due volte Cabral: dapprima col ginocchio destro sul polpaccio sinistro del capoverdiano e, successivamente, con il suo piede sinistro calpesta la caviglia sinistra del calciatore granata, impedendogli ovviamente di rialzarsi e riprendere la sortita offensiva.

Ricordando che il “danno procurato” non esiste in termini di regolamento, siamo in presenza di un – doppio– contatto assolutamente falloso, pertanto, punibile con un calcio di rigore. Il Var doveva intervenire? L’arbitro, per quanto vicino all’azione, ha fischiato un qualcosa che non è mai accaduto. Il varista di turno non può e non deve sostituirsi all’arbitro di campo, bensì deve assisterlo nel prendere la migliore decisione possibile. Sarebbe stato giusto, dunque, richiamare Giua al monitor.

In conclusione, la prestazione di Giua è totalmente da bocciare: oltre all’episodio menzionato in precedenza, hanno lasciato a desiderare anche una gestione tecnica e disciplinare quanto meno approssimative.

Sufficiente la prestazione dei due assistenti, non altrettanto quella dei due varisti.

Articolo precedenteQuarta giornata di Serie A: resoconto e protagonisti
Articolo successivoSalernitana-Frosinone affidata al forlivese Piccinini
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]