Home News Verso Salernitana-Bologna: le ultime dai campi

Verso Salernitana-Bologna: le ultime dai campi

825
0
IKWUEMESI
IKWUEMESI
Tempo di lettura: 2 minuti

Tutto pronto, o quasi, per SalernitanaBologna. Gara valevole per il 15° turno del campionato di Serie A. Un match importantissimo per le sorti di entrambe le squadre, soprattutto per la compagine di Pippo Inzaghi, fanalino di coda del torneo e a caccia di una vittoria che possa rimettere in corsa i granata per la salvezza.

In casa Salernitana, intanto, c’è apprensione per le condizioni di Chukwubuikem Ikwuemesi. Nella giornata di ieri, a seguito di uno scontro fortuito in allenamento con un compagno, l’attaccante nigeriano ha riportato una contusione alla caviglia che lo ha costretto ad abbandonare la seduta. La sua presenza nel match di domenica, per ora, resta in dubbio, sebbene Inzaghi speri di recuperarlo quantomeno per la panchina. Se ne saprà di più nella giornata di domani a seguito della rifinitura.

In settimana, intanto, Superpippo ha provato sia il 3-5-2 che il 4-2-3-1. L’unica certezza è il ritorno di Gyomber al centro della difesa, con Pirola e uno tra Daniliuc e Lovato in caso di difesa a tre. Verso la conferma a centrocampo Bohinen e Coulibaly, con l’idea Candreva mezzala che stuzzica la fantasia di Inzaghi. L’ex Samp, comunque, sarà titolare sia in caso di 3-5-2 che di 4-2-3-1 ad agire nel terzetto offensivo alle spalle di Ikwuemesi o Dia. In luogo di Kastanos, possibile chance dal 1′ anche per Loum Tchaouna, perfettamente ristabilito dall’infortunio al polpaccio rimediato due settimane fa, . Scalpita anche Jovane Cabral che, però, potrebbe essere gettato nella mischia a gara in corso.

In casa rossoblu, la lista degli indisponibili è piuttosto corposa. Non saranno del match Orsolini, che ne avrà ancora per un po’, Karlsson, De Silvestri, Bonifazi, Soumaoro, El Azzouzi e Corazza.

Thiago Motta, anche per il match dell’Arechi, potrebbe disporre i suoi con il classico 4-2-3-1. In porta Skorupski. In difesa, da destra a sinistra, Posch, Lucumi, Calafiori e Lykogiannis. A centrocampo Aebischer, con uno tra Freuler e Fabbian al suo fianco. In avanti Ndoye, Ferguson e Saelemaekers a supporto di uno tra Zirkzee e Van Hooijdonk.

Articolo precedenteIl prossimo avversario della Salernitana: Bologna
Articolo successivoBoschin: «Giocare contro il Bologna non è facile. La Salernitana può ancora salvarsi. Ad Inzaghi consiglio di…»
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.